One Billion Rising

Dalla piazza alla rete, il flash mob contro la violenza sulle donne diventa social

One Billion Rising flash mob Vicenza

Dalle piazze di oltre 200 paesi nel mondo all'agorà dei social media e di internet. La pandemia non ha fermato la crociata per dire "no", una volta di più, alla violenza sulle donne. Anche a Vicenza. E così l'appuntamento con il flash mob “One billion rising”, promosso dal team del Jazzercise Vicenza Nord Fitness center di Monticello Conte Otto, quest'anno si è spostato da piazza dei Signori alla rete.

Stessa canzone, identica coreografia per gridare al mondo che le donne sono libere, bellissime e chiedono rispetto. Una versione digitale sulle note di "Break the chain" (Spezza le catene) che ha riunito centinaia di istruttori e allievi da diverse città italiane, riuscendo a varcare i confini nazionali con presenze anche dalla Gran Bretagna e dalla Germania fino ad arrivare in California.

 

Leggi anche
Flash mob "Spezza le catene" contro la violenza sulle donne

Leggi anche
«Mai più abusi» L’urlo delle donne scuote la piazza