La curiosità

La ministra si svela in dialetto: «In frigo go sempre el prosecco»

Il ministro per le disabilità Erika Stefani, trissinese, si confessa in dialetto svelando un po’ della sua vita privata, dalla passione per le moto all’aneurisma che la colpì quasi dieci anni fa e che lasciò il segno: «Non savevo de averne dò in testa. Dopo el coma e l’ospedale xe cambià tuto...». Ma non la passione per le moto che le ha passato il povero papà. Così Erika si racconta a Monica Celegato in Veneto Radio, dove il dialetto è di casa, e la lingua veneta anche. Un’intervista lunga, trasmessa in due parti oggi e domani ad ora di pranzo, e di cui abbiamo avuto una parziale quanto gustosa anteprima. 

I motori «Son stà fortunà. I me gà curà all’ospedale de Vicenza, che xe un’eccellensa. Podevo avere dei deficit: problemi de memoria, de vista, de locomozione. Lì gò capìo cossa che xe la disabilità. Ma pena che son tornà casa, anca se gero in dimissione provvisoria, gò vardà fora...Quanto belo ch’el xe el Pasubio. E dopo via con la moto...» Alle due ruote Erika non resiste. Racconta di aver avuto una discreta serie di modelli: Honda Cbr, Kawasaky Ninjia, ora una Suzuky 750: «I quatro passi li fasso ancora ma me vien el mal de schena. A gò 50 ani, eh...Però st’ano gò girà in pista a Misano su una Aprilia 220 cavalli. E al Governo ghe xe el ministro Roberto Cingolani (per la transizione ecologica)che gà la stesa passion, e continuemo a parlare de moto. Dove sito stà? Cossa gheto visto?»

Vita privata Quando Celegato le chiede della vita privata, «parchè le done vole saver» la ministra dice «ahia, tasto dolente. Non gavì idea del lavoro che ne speta a Roma e quando che torno casa gò da girare le sezion del partito e le feste par mantegnere el contato col territorio. Se me va ben sto davanti el camineto el sabo de sera e la domenega pomeriggio. Sto pagando pesantemente ’sta situassion». 
Celegato, emozionata per poter discorrere così liberamente in dialetto con un alto esponente governativo, affonda il dito nella piaga: «E con moda, come la metemo?» Divertita la replica: «Dipende dal contesto. In moto somejo a Superman, al lavoro me vesto de nero ch’el va sempre ben e non se sbaglia abinamenti. Anca parchè in botega me vien el mal de testa». Problemi nei capi da scegliere? Ha la mania per le scarpe? «Beh, col 41 e mezo de scarpe fin 20 ani fa se faseva fadiga a trovare. Desso, xe un po’ mejo, anca parchè le tose xe grandi...»
La domanda trabocchetto è: «Cosa non manca mai nel suo frigo? «Dovaria dirte el late par essare politicamente corretta. Invese te digo el prosecco. Quelo non manca mai...Guai». E nel piatto? «Vegno da na fameja de macellai, quindi la carne. Se gò da scegliere, digo ’na costata. Dopo oviamente evito esami del sangue».

I social Celegato nota che la ministra non è particolarmente attiva sui social, dove pure è iscritta ma senza utilizzarli più di tanto. E lei spiega il motivo: «I xe propio ’na bestiacia. Mai piazudi, non riesso esprimere un conceto con uno slogan. A volte xe impossibile. In tre parole te svilissi el mesaggio. E dopo l’anonimato e le volgarità le altera el confronto. Zente par bene, che gà fameja, fioi, scrive volgarità incredibile parchè el diventa uno strumento. La politica non xe slogan ma xe l’arte de stare insieme. I social la svilisse e i scatena uno contro l’altro e l’odio prevale. Non va ben...»
La chiacchierata, o meglio “le quatro ciacole” toccano altri argomenti e parte da una premessa della ministra: «Me si simpatici e gò pensà che podevo tornare...». 

 

Mauro Sartori