Molina di Malo

Vuole sedare una rissa, 38enne ucciso a coltellate in Svizzera

Un'immagine del centro storico della città svizzera San Gallo
Un'immagine del centro storico della città svizzera San Gallo
Un'immagine del centro storico della città svizzera San Gallo
Un'immagine del centro storico della città svizzera San Gallo

Accoltellato di notte, all'uscita da un bar dopo aver festeggiato con alcuni connazionali, nel tentativo di difenderne uno che era stato aggredito. Fendenti che lo hanno colpito in varie parti del corpo, rendendo vane le cure dei sanitari. Così è stato assassinato Angel Rodriguez Farias, dominicano di 38 anni, per molti anni residente a Molina di Malo dov'era ospite, fino a non molti mesi fa, dei parenti che ancora abitano nella frazione maladense.

È accaduto nei giorni scorsi a San Gallo, in Svizzera, città di 75 mila abitanti, capoluogo dell'omonimo cantone, dove Angel Rodriguez si era recato per andare a trovare un fratello e la sua famiglia. La sua doveva essere una vacanza dal lavoro di ristrutturatore di interni che svolge per un'azienda spagnola. Si è trasferito nella penisola iberica ad qualche mese. Era arrivato a Malo nel 2013, «per dare un futuro alla sua piccola figlia», raccontano i cugini. E a Molina è stato ospite per diversi anni, facendosi conoscere per la sua amabilità e cordialità.

Cos'è accaduto in Svizzera? Ecco quanto emerge dai servizi apparsi sui media locali che riportano le indagini e i rilievi delle forze dell'ordine locali. La sera di sabato 28 agosto era uscito con amici per andare a ballare. All'uscita da un bar , al termine di una serata fino ad allora allegra, ha notato che un suo connazionale era in difficoltà, preso di mira da quattro individui, risultati poi essere tre kossovari e un cubano. Si è gettato in mezzo a quella che stava diventando una rissa per tentare di sedarla ma veniva a sua volta aggredito con un coltello. Riportava ferite al torace e al braccio, le prime delle quali avevano leso organi vitali.

I sanitari sono arrivati con un certo ritardo, secondo quanto affermano i familiari, è stato portato in ospedale dove hanno tentato di curarlo ma le ferite risulteranno mortali. Il decesso avviene alle 15 di martedì 31 agosto.

«Era un ragazzo amorevole e pieno di vita, gran lavoratore, papà di una ragazzina di 12 anni. Chiediamo che venga fatta giustizia», afferma il cugino Angel Rafael che risiede a Molina dopo avere sposato la maladense Matilde. Intanto la salma è tornata in Repubblica Dominicana, dove l'attendevano la mamma, la figlioletta e i fratelli. «Stava trascorrendo a San Gallo le sue ferie estive, nell'attesa del rientro al lavoro - sospirano i parenti. - Era pieno di vita, solare, amava i bambini e gli animali...»Al dolore dei familiari si unisce il sindaco Moreno Marsetti, che risiede a Molina: «Non ricordo di averlo incrociato ma conosco i suoi parenti a cui rivolgono le più sentite condoglianze. Condanno il brutale assassinio e confido che le autorità svizzere riescano a fare piena luce sull'omicidio e assicurare alla giustizia i colpevoli». Il primo cittadino si aggrega all'appello lanciato dal fratello della vittima: «Giustizia è quello che chiedo a nome di quanti amavano Angel Rodriguez».

Mauro Sartori

Suggerimenti