CHIUDI
CHIUDI

20.04.2019

Zigliotto in campo «Corriamo da soli per l’autonomia»

Il fotografo Ruggero Zigliotto candidato sindaco per Siamo Veneto
Il fotografo Ruggero Zigliotto candidato sindaco per Siamo Veneto

Ruggero Zigliotto, 64 anni, è il candidato sindaco per la lista civica “Siamo Veneto Montecchio Maggiore”. Fotografo professionista montecchiano, da poco in pensione, è convinto «che sia giunto il momento di dare una svolta a una città che, seppur bellissima, sta vivendo una fase drammatica in termini di risposta sociale, territorio e identità». Appassionato di politica, non ha mai militato in partiti “tradizionali”, diffidando «di quella politica di palazzo che, in modo trasversale, usa il consenso per obiettivi che poco hanno a che vedere con il reale benessere dei cittadini». Filo conduttore della sua discesa in campo è l’autonomia. «Abbiamo appoggiato Zaia per il referendum, ma da allora molte cose sono cambiate. L’autonomia non arriva e una spinta in tal senso non credo arriverà da Salvini che ormai sta portando avanti una politica sovranista e sta indebolendo, vedi le candidature europee, l’ala zaiana. All’interno dello stesso comitato, branca della Lega, che sostiene l’autonomia non mancano i malumori. Ecco, con la mia lista voglio rappresentare quel tipo di malumore. I bilanci dei Comuni veneti rappresenta un decimo del prelievo fiscale. Pensiamo a cosa potremmo realizzare sul nostro territorio a parti invertite. Occorre fare rete tra Comuni. Lo spiegherà martedì 23 aprile, alle 20.45, alla Corte delle filande, l’assessore al bilancio di Arzignano, Riccardo Masiero, in occasione della mia presentazione pubblica ufficiale, alla quale parteciperà anche il consigliere regionale Antonio Guadagnini, entrambi di Siamo Veneto. Vogliamo contarci e capire che peso possiamo avere». A Montecchio in occasione del referendum sull’autonomia «10.718 cittadini l’hanno chiesta. Giusto ora pretenderla senza se e senza ma e sarà nostro preciso dovere ricordarlo a quella politica che lo promette ormai da troppo tempo. Il mio slogan sarà “chiamatemi Ruggero, Sindaco vero”». Zigliotto propone una politica, soprattutto in ambito amministrativo, slegata dalle segreterie di partito, soprattutto dai palazzi romani. «Il nostro obiettivo è il governo di una Montecchio aperta al pluralismo sociale, in cui il cittadino sia realmente al primo posto. Parlare di programma amministrativo facendo promesse impossibili o peggio promettendo cose che poi sistematicamente una volta eletti non verranno realizzate, non è etico. Il nostro credo è la democrazia diretta e se i cittadini ci daranno la loro fiducia saremo certamente in grado di praticarla. Realizzeremo entro un breve periodo un sistema informatico per creare consultazioni popolari che ci diano chiare indicazioni su quanto e su cosa realizzare per il bene della comunità, dicendo basta a scelte cadute dall’alto o condizionate da potentati economici che hanno come obiettivo interessi di pochi e quasi sempre a scapito della maggioranza dei cittadini. Territorio, qualità della vita, condivisone sociale, identità, cultura e apertura a un mondo che sta cambiando». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Giorgio Zordan
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1