Altavilla

Beccato due volte con la patente falsa: diecimila euro di multa

Beccato due volte con la patente falsa, rischia 4 anni di carcere. La prima volta è stato trovato al volante mentre la seconda ha cercato di ingannare la polizia locale “Unione Terre del Retrone” presentandosi in Comando con un permesso falso rilasciato, secondo le sue dichiarazioni, dall’ambasciata. Di sicuro, però, dovrà pagare una sanzione di 10 mila euro F.K., 39 anni di origine nigeriana e residente a Montecchio Maggiore. 
Una questione durata addirittura 4 mesi e iniziata a luglio quando la pattuglia ferma l’uomo ad Altavilla: il nigeriano è a bordo della sua Lancia Y e dai controlli risulta che non solo ha la patente, nigeriana, falsa ma addirittura mostra un permesso internazionale di guida, per la categoria D che lo abiliterebbe a condurre le corriere, anche questo fasullo. F.K. viene quindi sanzionato, con 5 mila euro di multa, per guida senza patente e denunciato per falso documentale, un reato che comporta la reclusione da 6 mesi a 2 anni. In più gli vengono ritirati tutti i documenti e la vettura sottoposta a fermo. 
A fine agosto, il nigeriano viene di nuovo fermato dalla polizia locale, sulla Strada Regionale 11. È alla guida di un’altra auto e, alla richiesta di presentare la patente, risulta di non essere in possesso di alcun documento. Dal momento che l’iter penale della denuncia di luglio non era ancora concluso, dovevano appunto passare 60 giorni, agli agenti non è rimasto che multarlo di nuovo, con altri 5 mila euro perché guidava privo di permesso. 
Una decina di giorni fa l’uomo si è recato al Comando di via Risorgimento. «Sono titolare di una patente nigeriana che però è scaduta – ha dichiarato -. L’ho rinnovata e sto aspettando che la mia ambasciata mi mandi il duplicato». Con questa giustificazione, e spiegando che stavolta la patente era vera e l’aveva ottenuta in maniera regolare, ha quindi avanzato richiesta che la denuncia per documenti falsi venisse archiviata e che gli fosse restituita la sua Lancia Y. Gli agenti del comandante Serena Volante gli hanno quindi chiesto di esibire i documenti in questione che, una volta controllati anche con specifica strumentazione, sono risultati nuovamente falsi: la seconda patente non era mai stata rilasciata dall’ambasciata del Paese d’origine. F.K. è stato così denunciato una seconda volta, sempre per aver creato un documento falso, e ora dovrà rispondere del doppio reato penale.

 

Antonella Fadda