Rossano Veneto

Cerca giardinieri con un post su Facebook e le svaligiano il garage

Aveva messo un annuncio su Facebook per trovare un giardiniere, in breve tempo le avevano risposto in due che, spacciatisi per manutentori del verde, il giorno in cui hanno riordinato il giardino della villetta le hanno anche svuotato il garage portandosi via attrezzi per il valore di alcune migliaia di euro.

Vittima una 71enne di Rossano Veneto. "Cerco giardinieri per piccoli lavoretti di sistemazione del verde", aveva postato su Facebook. In breve le arrivata la risposta di quello che credeva essere un giardiniere che diceva pure di essere titolare di una ditta specializzata: la "Salva Garden". Il giorno dei lavori a casa della pensionata si sono presentati in due. Inizialmente tutto sembrava procedere per il meglio, ma il tranello era dietro l'angolo. La donna è uscita a fare alcune commissioni veloci, lasciando aperto il garage di casa in caso i giardinieri avessero avuto bisogno di alcuni attrezzi. I due, in realtà, erano dei ladri e la ditta "Salva Garden" non esisteva. Mentre la 71enne era fuori, i malviventi le hanno praticamente svuotato il garage, portandosi via diversi attrezzi per un valore complessivo di circa 2 mila euro; a cui i sommano i 60 euro pagati dalla vittima, per opere di giardinaggio mai terminate.

Alla povera pensionata non è rimasto che sporgere denuncia.

 

Nelle scorse settimane, quando Gisella, 71 anni, residente in paese, ha messo un annuncio su Facebook:

"Cerco giardinieri per piccoli lavoretti di sistemazione del verde". Questo l'annuncio che In breve tempo le era arrivata la risposta di quello che credeva essere un giardiniere che diceva pure di essere titolare di una ditta specializzata: la "Salva Garden". La pensionata si è fidata, ha comunicato l'indirizzo della sua abitazione e preso accordi per il giorno dei lavori. Quella mattina a casa di Gisella si sono presentati in due. Dopo aver ricevuto le indicazioni sulle potature, e 60 euro in contanti quale pagamento anticipato della prestazione, i due si sono messi a lavorare. Pareva che tutto stesse filando liscio. Ma il tranello era dietro l'angolo.

 

La donna è uscita a fare alcune commissioni veloci, lasciando aperto il garage di casa in caso i giardinieri avessero avuto bisogno di alcuni attrezzi. I due, in realtà, erano dei ladri. La ditta "Salva Garden" non esisteva. Mentre Gisella era fuori, i malviventi le hanno praticamente svuotato il garage, portandosi via diversi attrezzi per un valore complessivo di circa 2 mila euro; a cui i sommano i 60 euro pagati dalla vittima, per opere di giardinaggio mai terminate.  

Suggerimenti