Arzignano

Danni per il maltempo, arrivati i primi 2 milioni

Devastazione Gravi danni causati dal maltempo ripresi da un drone
Devastazione Gravi danni causati dal maltempo ripresi da un drone
Devastazione Gravi danni causati dal maltempo ripresi da un drone
Devastazione Gravi danni causati dal maltempo ripresi da un drone

Arrivati i primi fondi per i danni da maltempo di fine agosto 2020. A dare il via libera è stato il commissario delegato regionale per gli eventi meteorologici. «Si tratta di una somma di 2,3 milioni di euro che viene incontro, in parte, alle richieste dei cittadini e delle imprese danneggiate».
A confermarlo è il sindaco di Arzignano, Alessia Bevilacqua, che aggiunge: «Per poter procedere alle liquidazioni, la Regione ha fornito un ulteriore modulo - disponibile sui canali comunali - che i cittadini e i titolari delle imprese dovranno compilare. È un disagio - aggiunge - ma tale modulo ci è richiesto dagli enti preposti all'erogazione».

Verifiche a campione La somma complessiva stanziata per il Comune di Arzignano è di 2.310.704 euro. «I fondi stanziati - conferma Bevilacqua - hanno una copertura sul totale richiesto al netto degli indennizza già riscossi del 20 per cento per i privati e del 28 per cento per le aziende. L'Amministrazione comunale di Arzignano dovrà provvedere, entro 60 giorni all'effettiva liquidazione dei contributi, ad accertare, mediante verifiche a campione su almeno il 20 per cento dei contributi liquidati, la veridicità dei fatti e delle circostanze contenute nelle autocertificazioni presentate».

Privati e aziende Gli stanziamenti per i danni sono relativi a contributi da assegnare nell'importo massimo di 5 mila euro a famiglie la cui abitazione principale, abituale e continuativa sia stata compromessa dal maltempo e, per quanto riguarda i contributi da erogare alle imprese, attività economiche-produttive, nell'importo massimo di 20 mial euro.

Domande per i danni Le richieste per i danni pervenute in Comune sono state 1.152 da famiglie, con un totale richiesto di 12 milioni 24 mila 457 euro per beni immobili e 533 mila 133 euro per beni mobili, e 113 da attività produttive con totale richiesto per il ripristino danni pari a 4 milioni 528 mila 772 euro. Nel caso di privati i beneficiari, in questa prima fase di aiuti arrivati dal commissario delegato regionale, sono 419 per quanto riguarda i beni immobili. Quelli relativi alle attività produttive, invece, sono 82 ovvero oltre il 70 per cento rispetto al numero di domande nella prima ricognizione..

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giorgio Zordan