Orgiano

Federico e lo schianto mortale di ritorno da lavoro nel giorno del suo 25° compleanno

Federico Ruzza, in una foto tratta dal suo profilo Facebook
Federico Ruzza, in una foto tratta dal suo profilo Facebook

Tornava a casa dopo il turno di notte alla “Veca spa” di Albettone quando, all’altezza all’insidiosa curva di via San Giovanni ad Orgiano, ha perso il controllo della sua Smart finendo fuori strada nel fossato dopo aver divelto il guardrail. Ed è morto sul colpo. Per Federico Ruzza era il giorno del suo venticinquesimo compleanno e lo aveva festeggiato pochi minuti prima ad Albettone, offrendo la colazione ai colleghi. Un triste destino quello che ieri mattina si è portato via Federico, operaio originario di Lonigo che risiedeva a Santo Stefano di Zimella, nel Veronese.

 

 

Nato ad Arzignano e cresciuto a Lonigo, Federico Ruzza si era trasferito lo scorso anno a Santo Stefano di Zimella dove viveva da solo. Lascia nel dolore i genitori e due sorelle. «Un ragazzo benvoluto da tutti per la sua grande disponibilità e il senso d’amicizia che si era ben inserito da alcuni anni nel reparto rotazionale» lo ricorda commosso e incredulo Mauro Frigo titolare della “Veca spa”, esprimendo la vicinanza dell’azienda alla famiglia.

 

 

Giusto un anno fa quella curva era stata teatro del tragico incidente in cui morì il l’immobiliarista sossanese Luca Beggiato, 52 anni, il quale proveniente da Sossano sbandò con la sua Fiat 500 finendo addosso ad un camion. 

Felice Busato