Montegaldella

Donne in marcia
vestite di rosso
per Marianna

.
La marcia silenziosa in memoria di Marianna Sandonà (COLOFOTO)
La marcia silenziosa in memoria di Marianna Sandonà (COLOFOTO)
La marcia silenziosa in memoria di Marianna Sandonà (COLOFOTO)
La marcia silenziosa in memoria di Marianna Sandonà (COLOFOTO)

MONTEGALDELLA. A quindici giorni dall’efferato omicidio di Marianna Sandonà e dal ferimento dell’amico Paolo Zorzi, le cui condizioni restano critiche, si è svolta questa sera la “Marcia silenziosa in memoria di Marianna”, promossa dall’Associazione di Vicenza “Donna chiama Donna” e patrocinata dal Comune di Montegaldella.

 

Un centinaio le persone, il più da fuori paese, che si sono ritrovate alle 18 nel piazzale del Parco Robinson, a pochi metri dalla rampa del garage dove la povera donna è stata uccisa a coltellate. A parlare nel silenzio, gli striscioni portati dai rappresentati delle varie associazion che hanno aperto il corteo: “Io l’8 tutti i giorni” e “Stop al femminicidio”.

 

Folta la delegazione di rappresentanti comunali dei paesi limitrofi e di tutta la provincia, che hanno voluto portare la loro testimonianza e solidarietà. Presente anche l'assessore alla comunità e alla famiglia del Comune di Vicenza, Silvia Maino, come rappresentante del Comitato dei sindaci del distretto Est dell'Ulss 8 che  gestisce il Centro Antiviolenza. In testa, fianco a fianco, il primo cittadino Stefano Lain di Grisignano, paese di Marianna, e Ciro Piccoli di Montegaldella dove lei ha trovato la morte. 

 

Molte le donne presenti che indossavano indumenti di color rosso, voluto come simbolo dalle associazioni di denuncia. Poche invece le facce del paese, ancora anestetizzato da questa inaspettata tragedia che ha colto tutti di sorpresa. Tra i presenti anche il padre di Marianna, Marino Sandonà, che visibilmente commosso ha ricevuto l’abbraccio dei presenti.

I funerali di Marianna si terranno mercoledì prossimo nella parrocchiale di Grisignano alle ore 10,30, giornata di lutto per le rispettive comunità.