Carburanti, le compagnie tagliano i prezzi raccomandati

Con le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo che hanno chiuso anche ieri in forte calo, soprattutto sul diesel, le compagnie tagliano oggi i prezzi raccomandati dei carburanti. In particolare Eni riduce benzina e diesel di 3 cent/litro, Tamoil la benzina di 8 cent/litro e il diesel di 7 cent/litro. In attesa di recepire questi nuovi movimenti, il monitoraggio dei prezzi alla pompa dei due prodotti
mostra assestamenti al rialzo, code dei rincari della scorsa settimana. Più nel dettaglio, in base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati dell’Osservaprezzi del Mise, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self va a 1,838 euro/litro (1,833 il valore precedente), con i diversi marchi compresi tra 1,833 e 1,849 euro/litro (no logo 1,830). Il prezzo medio praticato del diesel si posiziona a 1,833 euro/litro (contro 1,827), con le compagnie posizionate tra 1,823 e 1,853 euro/litro (no logo 1,842).

Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato è a 1,970 euro/litro (1,963 il dato precedente), con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 1,910 e 2,051
euro/litro (no logo 1,883). La media del diesel servito va a 1,970 euro/litro (contro 1,962), con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 1,929 e 2,029 euro/litro (no logo 1,895). I prezzi praticati del Gpl vanno da 0,838 a 0,868 euro/litro (no logo 0,859). Infine, il prezzo medio del metano auto si posiziona tra 2,019 e 2,320 (no logo 2,113).