I MIGLIORI ITALIANI

I “5 cappelli” diventano 18. Tra questi un altro vicentino, Cracco

null
null
null
null

Questi i «5 Cappelli»: Casadonna Reale a Castel di Sangro (L’Aquila), Cracco a Milano, D’o a Cornaredo (Milano), Duomo a Ragusa Ibla (Ragusa), HiŠa Franko in Slovenia, Hotel Mandarin Orientale - Seta a Milano, Hotel Rosa Alpina - St. Hubertus a Badia (Bolzano), Kresios a Telese Terme (Benevento), La Madia a Licata (Agrigento), La Tana Gourmet a Asiago (Vicenza), L’Argine a Venco a Dolegna del Collio (Gorizia), Le Calandre a Rubano (Padove), Lido 84 a Gardone Riviera a (Brescia), Madonnina, Del Pescatore a Senigallia (Ancona), Osteria Francescana a Modena, Piazza Duomo a Alba (Cuneo), Uliassi a Senigallia (Ancona), Villa Feltrinelli a Gargnano (Brescia). Infine, sono oltre 100 le «Migliori Pizzerie d’Italia» segnalate e votate con i «tranci» di pizza, da uno a tre. Novità quest’anno la «Pizza d’oro», attribuita a quattro pizzaioli che rappresentano valori di riferimento nel dinamico mondo della pizza italiana: Gabriele Bonci (Pizzarium, di Roma), Enzo Coccia (La Notizia, di Napoli), Simone Padoan (I Tigli, di San Bonifacio), Franco Pepe (Pepe in Grani, di Caiazzo).

Leggi anche
Dal Degan nell'olimpo della ristorazione, cinque cappelli e miglior pranzo dell'anno