Veneto

Si apparta con l'amante e si sente male: muore nonostante l'intervento dei soccorsi

Il pronto soccorso di Legnago
Il pronto soccorso di Legnago

Si è appartato in auto con l’amante in una zona isolata alla periferia di Legnago (Verona). Ma quello che doveva essere un incontro all’insegna della passione, nell’abitacolo di un Suv trasformato in alcova d’emergenza, è sfociato improvvisamente nel dramma.

L’uomo, un autotrasportatore rodigino, nel mezzo del coinvolgente tête-à-tête al riparo da sguardi indiscreti, si è infatti sentito male ed è morto praticamente sul colpo. Un infarto fulminante di fronte al quale a nulla sono valsi i disperati tentativi della donna di rianimarlo.

 

Sul posto, oltre al personale del 118 e ai carabinieri della stazione di Legnago, sono dovuti intervenire persino i vigili del fuoco del distaccamento cittadino per liberare il 67enne rimasto incastrato tra i sedili. L'uomo, secondo quanto riporta L'Arena, si era appartato con la donna, una 61enne anche lei coniugata, in una strada che conduce a Torretta. 

 

Sul posto  anche una pattuglia di carabinieri, che ha provveduto a rintracciare i parenti della vittima dopo aver appurato i fatti. La salma del rodigino, trasferita nelle celle mortuarie dell’ospedale Mater salutis, è stata riconsegnata subito ai familiari senza dover attendere il nulla osta dell’autorità giudiziaria. 

Stefano Nicoli