Sabato a Venezia

Via alla finale del Premio Campiello con i cinque leoni della letteratura

I finalisti, da sinistra: Paolo Malaguti, Andrea Bajani, Paolo Nori, Carmen Pellegrino e Giulia Caminito,
I finalisti, da sinistra: Paolo Malaguti, Andrea Bajani, Paolo Nori, Carmen Pellegrino e Giulia Caminito,
I finalisti, da sinistra: Paolo Malaguti, Andrea Bajani, Paolo Nori, Carmen Pellegrino e Giulia Caminito,
I finalisti, da sinistra: Paolo Malaguti, Andrea Bajani, Paolo Nori, Carmen Pellegrino e Giulia Caminito,

Dopo che i cinque finalisti hanno girato l’Italia per presentare i loro libri, con una puntatina anche all’Istituto di cultura italiana di Parigi, il grande giorno è arrivato. Domani a Venezia alle 20,30 all’Arsenale Nord, Darsena Grande Tese delle Mappe (800 posti a disposizione tutti su invito e mantenendo le nuove regole in materia di green pass) si terrà la cerimonia finale seguita in diretta da Rai 5 e presentata dalla scrittrice e conduttrice televisiva Andrea Delogu

 

Una serata anche in onore dello scrittore Daniele Del Giudice a cui quest’anno la Giuria dei letterati, presieduta da Walter Veltroni, aveva assegnato il premio alla Carriera, la sua morte avvenuta giovedì scorso, per quanto fosse malato da tempo, ha lasciato un vuoto immenso nel mondo della letteratura del Novecento. Lo scrittore, infatti, era stato designato “per le storie e le parole che nei suoi testi ha scelto, per la loro qualità e per le emozioni che ha saputo offrire ai suoi lettori». 

 

Leggi anche
È morto lo scrittore Del Giudice, sabato avrebbe ricevuto il premio Campiello per la carriera

 

La giornata finale inizierà alle 11 all’Event Pavillon (4 piano) nella Calle del Fontego dei Tedeschi, Ponte di Rialto dove si terrà la conferenza stampa conclusiva nella quale ci saranno i cinque finalisti e avverrà la proclamazione del vincitore del Premio Campiello Giovani. Cinque i selezionati: Salvatore Lamberti, 19 anni di Scisciano (Napoli), con il racconto “Roman” definito dalla giuria tecnica «sapiente»: la storia di un ragazzino romeno vittima della cattiveria dei compagni, ma anche della povertà di affetti del mondo adulto che lo circonda; Shannon Magri, 22 anni di Castel Gabbiano (Cremona) con il racconto «Kiyoshi nella tempesta», giudicato «poetico» narra anche in questo caso delle distanze tra madre e figlio; Martina Sangalli, 21 anni di Carugo (Como) con “Blu colomba”, racconto «malinconico» che descrive un rincontro tra due amici e innamorati; Alice Scalas Bianco, 18 anni di Vigevano (Pavia) con “Ritratto di Parigi” che svela un altro incontro, inaspettato, e ancora di un rapporto padre-figlia sconosciuto in un racconto «suggestivo». Unica veneta rimasta in gara, Camilla Tibaldo, 21 anni di Trecenta (Rovigo) con il suo “La somiglianza”, testo «sorprendente» che parla di un giovane, ma anche del passato e della solitudine del ragazzo che si ripara nella scrittura. 

 

Ma torniamo alla serata finale dove verrà scelto il vincitore della 59esima edizione de Il Campiello con “Il libro delle case” di Andrea Bajani edito da Feltrinelli, “L’acqua del lago non è mai dolce” di Giulia Caminito (Bompiani), “Se l’acqua ride” di Paolo Malaguti (Einaudi), “Sanguina ancora. L’incredibile vita di Fëdor M. Dostoevskij” di Paolo Nori (Mondadori) e “La felicità degli altri” di Carmen Pellegrino (La nave di Teseo). Il vincitore del Premio Campiello - Opera Prima “Dieci storie quasi vere” della scrittrice Daniela Gambaro nata ad Adria e residente da Roma dove lavora come sceneggiatrice ed edito da Nutrimenti è già stato deciso

 

Daniela Gambaro, vincitrice del premio Opera Prima
Daniela Gambaro, vincitrice del premio Opera Prima

 

Sono trecentosessanta i titoli arrivati con una rosa finale di venti libri scelti da Walter Veltroni (presidente) e dagli undici componenti la giuria: Federico Bertoni, Daniela Brogi, Silvia Calandrelli, Edoardo Camurri, Chiara Fenoglio, Daria Galateria, Luigi Matt, Ermanno Paccagnini, Lorenzo Tomasin, Roberto Vecchioni, e Emanuele Zinato. Ora il testimone è nelle mani della giuria popolare, trecento tra professionisti, studenti ed altre tipologie di lettori che lavorerà fino al 4 settembre.

 

Nessuna previsione per la finale come accade tutti gli anni, c’è da dire che quest’anno due libri entrati in finale erano stati scelti anche nella cinquina dello Strega, quello di Bajani e Caminito a segnalare come la qualità dei libri fosse sicuramente di ottimo livello . 
Alla serata parteciperanno tra gli altri Enrico Carraro presidente del premio e Pietro Luxardo che presiede il comitato di gestione e tutti i presidenti delle sezioni di Confindustra del Veneto.

 

Leggi anche
Il Campiello 2021 sceglie Veltroni. L'ex ministro guiderà la Giuria dei letterati


La 59esima edizione è stata realizzata grazie al sostegno di Intesa Sanpaolo, Eni, Umana, Pirelli, Fincantieri, Alperia, Coca-Cola HBC Italia, Tim, Sidi Group, Studio DCA, Seingim e con la collaborazione di Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG, Grafiche Antiga, Cenacolo Artom, Salviati, Printmateria, Pro-Gest, Feinar, Magis, Alilaguna, Trenitalia Vettore Ufficiale, Comieco, Federazione Carta e Grafica, Community, Rai Cultura, Peggy Guggenheim Collection, CPM Music Institute di Franco Mussida e Scuola di Cinema Carlo Mazzacurati.

Chiara Roverotto