Barbarano Mossano

West Nile, registrato il primo caso nel Vicentino

Sta meglio l’uomo di 54 anni di Ponte di Barbarano che dopo aver accusato sabato cefalea e febbre si è recato al pronto soccorso dell'ospedale San Bortolo di Vicenza dove gli è stato riscontrato il contagio del virus West Nile diffuso dalla zanzara Culex. «Si tratta di un camionista che gira tutto il Veneto per lavoro per cui è tutto da verificare dove sia stato punto da questa pericolosa zanzara, l’importante è ovviamente che le sue condizioni siano ora migliorate come mi ha rassicurato questa mattina la direttrice del Sisp (servizio prevenzione) dell’Ulss 8 Berica Teresa Padovan», osserva sollevato il sindaco Cristiano Pretto.

Leggi anche
West Nile, il virus trasmesso dalla zanzara: cos'è, i sintomi e i rischi

In paese l’allerta è scattata il 7 luglio dopo che le trappole collocate dai tecnici dell’ istituto zooprofilattico di Legnaro nell’ambito del programma di sorveglianza integrata ordinato dalla Regione sono rimaste imprigionate delle zanzare infette positive al virus. «Come Comune stiamo svolgendo i normali trattamenti di disinfestazione antizianzare, ma serve anche attenzione e collaborazione della popolazione non lasciando acqua stagnante nei recipienti in giardino o nei sottovasi delle piante di appartamento che favoriscono il proliferare delle zanzare». 

Ieri intanto un caso di encefalite West Nile è stato riscontrato in un uomo di 77 anni ricoverato nel reparto di medicina all’ospedale di Piove di Sacco (Padova). I casi accertati nell’area salgono a 9 ricoverati (compresi i due deceduti) e 4 asintomatici non ricoverati. 

Leggi anche
West Nile, arriva anche l'app per il tracciamento

Felice Busato