We are Lane

Una paralisi che segna la distanza dai tifosi

Ora mettetevi nei panni di un allenatore che guida la sua squadra sapendo che verrà esonerato. Poi immaginate di essere dei giocatori che sanno che quell’allenatore non sarà più il loro ma che  dovrebbero avere quella grinta tanto richiesta. Ciò che in queste ore sta accadendo va oltre il surreale. Che Venturato fosse nel mirino del Vicenza si sa da almeno due settimane, così come era chiaro che se il Lane non avesse vinto a Cosenza, il primo a saltare sarebbe stato Di Carlo. Qui non è più un problema di nomi (Liverani, Oddo o altri) ma di metodo con l’effetto che a tre giorni dal Pisa e dopo tre sconfitte il Lane non ha un nuovo allenatore e quello che c’è è un professionista che naviga a vista. In tutto questo caos i veri sconfitti sono i tifosi, perduti nel mare dell’incertezza. 

 

Leggi anche
Ricominciare tutto da capo con l’obiettivo salvezza

eugenio.marzotto@ilgiornaledivicenza.it

Suggerimenti