Cyberbullismo: raddoppiano le vittime che hanno meno di 9 anni

Nel 2020 sono complessivamente diminuti i casi di cyberbullismo trattati dalla polizia postale
con vittime minorenni: sono stati 412 contro i 460 del 2019. Ma rispetto all’anno scorso sono quasi raddoppiati i casi che vedono vittima un minore di età inferiore a 9 anni: nel 2019 erano 28, mentre nel 2020 sono state 52. In aumento anche i minori denunciati (62 nel 2019 contro i 66 nel 2020) per detenzione e diffusione di materiale pedopornografico. I dati della polizia postale sono stati diffusi nel corso dell’incontro del Moige «Giovani Ambasciatori per la cittadinanza digitale».

«Le nostre statistiche ci dicono che la vittimizzazione dei minori - ha spiegato Nunzia Ciardi, direttore della polizia postale - è stata in forte crescita durante la pandemia. Il fatto di essere sempre connessi ha aumentato e dilatato la superficie di attacco di chi di questa situazione voleva approfittare. E purtroppo quando i giovani finiscono nella trappola dei reati on line vivono dei drammi che il grande pubblico è abituato a vedere quando c’è l’epilogo drammatico: o il suicidio o quando si finisce al centro dell’attenzione, ma dietro questi casi drammatici ci sono una marea di altri casi che non hanno l’onore della cronaca ma sono drammi grandi e piccoli individuali che i ragazzi vivono sulla loro pelle».
«I nostri indici ci dicono che l’età - ha sottolineato Ciardi - si sta drammaticamente abbassando, la fascia di età zero-nove anni aumenta, quindi significa che sempre più bambini piccoli utilizzano dispositivi informatici, senza un controllo adeguato. I rischi della digitalizzazione che corrono i minori non sono rischi evidenti perché per tutti noi genitori è chiaro che un ragazzo di 10/12 anni, o peggio ancora di 8 anni, non debba uscire da solo la notte. Non ci è altrettanto chiaro, per ragioni psicologiche evidenti perché magari sta nella stanza ed è difficile rendersi conto che corre addirittura più rischi che su una strada da solo».

«Anche in questo caso - ha aggiunto - hanno bisogno di adulti di riferimento che possano indicare loro la strada per sfruttare al meglio le opportunità, soprattutto in un momento come questo. Uno sforzo va fatto. Anche la rete ha bisogno di una riflessione complessiva al livello internazionale. Noi tutti consideriamo intoccabile la libertà della rete, ma questa libertà non significa completa sregolatezza, non significa che la rete debba essere selvaggia ma che degli anticorpi e delle difese debba averli».