News

Studenti pasticceri sperimentano a Treviso la "stampante 3D" per il tiramisù

Il Tiramisù ora lo si stampa in 3D e il suo sapore sembra all’altezza della fama del dolce trevigiano. L’esperimento è stato condotto oggi alla Scuola di formazione professionale «Lepido Rocco», di Villorba (Treviso), dagli studenti in panificazione e pasticceria i quali hanno operato con il prototipo di una macchina di fabbricazione spagnola, chiamata "Foodini", prodotta dalla Natural Machines di Barcellona, sulla quale si cimenteranno nei prossimi mesi per mettere a punto altre ricette. La macchina, in grado di “stampare” tridimensionalmente il cibo, soprattutto per quanto riguarda la ricetta di quello che è uno dei dolci al cucchiaio italiani più amati al mondo, ha chiesto aiuto alla TWC (Tiramisù World Cup), la rassegna che da anni valuta centinaia di ricette preparate dai propri partecipanti e campioni di tiramisù.
Fornita di tutti gli ingredienti necessari, infatti, la macchina in uso alla Scuola di formazione professionale trevigiana si è dimostrata in grado di riprodurre un tiramisù in base ad una ricetta ricevuta in formato file, ed il risultato è stato un dolce completamente commestibile che può essere ricreato in varie forme e dimensioni.