Edizione 2022

Mangiare e bere bene nel Vicentino: in arrivo la guida

L'influencer Erica Zenatti in arte ericazen_lifestyle con la Guida del GdV
L'influencer Erica Zenatti in arte ericazen_lifestyle con la Guida del GdV
L'influencer Erica Zenatti in arte ericazen_lifestyle con la Guida del GdV
L'influencer Erica Zenatti in arte ericazen_lifestyle con la Guida del GdV

È entrata nel vivo, con l'ultimo mese di lavorazione, la "Guida al mangiare e bere bene a Vicenza" edizione 2022 (la terza), iniziativa editoriale del Giornale di Vicenza curata dal giornalista Alberto Tonello e attesa da un vasto mondo di appassionati e amanti del buon cibo e del buon vino, oltre che dalle tante eccellenze della ristorazione della provincia. Quest'anno la pubblicazione - una mappa aggiornata ai migliori locali, alle cantine di qualità, alle birrerie e alle distillerie - si annuncia con molte novità sia tra i ristoranti che tra le cantine. Se n'è parlato a Casa Athesis nell'ultima giornata del Vinitaly, in un incontro che è stato occasione, oltre che per presentare la Guida, per ragionare sugli scenari del settore della ristorazione dopo la pandemia, insieme con il giornalista del Giornale di Vicenza Alberto Tonello, con Luigi Cremona, curatore della guida del Touring Club e ideatore del premio "Emergente", e con Michele Bertuzzo, fondatore di Studio Cru e comunicatore del vino.

Anche quest'anno, la Guida alle eccellenze enogastronomiche del territorio troverà spazio su tutti i canali del Giornale di Vicenza: dalle pagine del quotidiano, al sito internet ai profili social di Facebook e Instagram. Inoltre una partnership con l'emittente locale Tva permetterà di realizzare servizi televisivi nei quali si racconteranno le varie fasi di realizzazione. L'edizione 2022 verrà presentata nella prima settimana di dicembre e sarà poi in vendita in tutte le edicole. Là dove, nel frattempo, si può ancora trovare l'edizione 2021 al prezzo di 8,90. La Guida del Giornale di Vicenza arriva dunque nel momento giusto per sostenere la ripartenza della ristorazione, che, come ha sottolineato nel corso dell'incontro Luigi Cremona, ha recuperato grosso modo i livelli di prima della pandemia e attende ora la conferma della ripresa.