Il grave episodio a Rovigo

Studenti sparano con una pistola ad aria compressa alla prof in aula

E' successo durante la lezione in istituto di Rovigo: la scena filmata da ragazzi e pubblicata sui social.
Foto Ansa
Foto Ansa
Foto Ansa
Foto Ansa

Una docente di un istituto superiore di Rovigo è stata colpita da alcuni pallini in gomma, esplosi da uno studente con una pistola ad aria compressa, mentre stava facendo lezione in classe.

L'episodio si è verificato la scorsa settimana in una prima classe dell'istituto "Viola Marchesini" ed è stato ripreso da un altro studente, che lo ha diffuso sui social.

La professoressa sarebbe stata colpita due volte, prima alla testa e poi a un occhio.

La dirigente dell'istituto, oltre ai provvedimenti disciplinari verso i ragazzi, ha avvertito la polizia e convocato i genitori.

«Come docenti, più che allarmati siamo affranti dal punto di vista educativo, perché i ragazzi non hanno percepito il disvalore del loro gesto, hanno reagito come fosse un gioco - ha commentato la dirigente dell’istituto tecnico - Si è trattato di allievi di una prima classe, quindi giovani, che si sono anche autodenunciati. Non provengono da famiglie con disagio, sono ragazzi normali. Solo hanno preso la cosa come un gioco. Ma hanno irriso un pubblico ufficiale, non hanno capito la scala dei valori»

A La Voce di Rovigo, che ha diffuso il video di quanto accaduto in classe, la dirigente ha sottolineato «che si è trattato di un atto preordinato, perché i ragazzi si erano accordati prima di compierlo tra chi ha portato la pistola e chi era pronto a filmare. Ma ancora più grave del fatto in sé è stata la derisione dell’insegnante che era già stata colpita. Un comportamento che non ha davvero spiegazione. Il fatto è stato inoltre segnalato alla questura e per tutta la classe ora è prevista la formazione di una giornata sul tema dell’educazione civica ed un colloquio con una psicologa».

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a Il Giornale di Vicenza e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de Il Giornale di Vicenza, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati