Serie B

Lane, la società: «Fiducia in Brocchi, uniti per superare questo momento»

Il tecnico dei biancorossi, Brocchi (foto Studio Stella)
Il tecnico dei biancorossi, Brocchi (foto Studio Stella)
Il tecnico dei biancorossi, Brocchi (foto Studio Stella)
Il tecnico dei biancorossi, Brocchi (foto Studio Stella)

Tutti uniti. Nemmeno l’ultima sconfitta con il Como deve essere per il Vicenza motivo di arrendevolezza e divisione. Oggi la società ha diffuso un comunicato in cui invita ad un’ulteriore coesione, ringrazia la tifoseria, si impegna a lavorare affinché la squadra risalga la china e conferma la fiducia a Cristian Brocchi. «In questo periodo complicato a causa della mancanza dei risultati – questo il testo -, la società desidera compattarsi ulteriormente, concentrarsi ancor di più sul lavoro quotidiano e sulla coesione interna per trovare, insieme a tutte le proprie componenti, l’inversione di rotta che tutti auspichiamo. La società desidera inoltre ringraziare i tifosi e la Curva, in particolare, per il sostegno e la passione dimostrata in questi difficili mesi e manifestatasi anche contro il Como fino al novantesimo minuto, ribadendo il proprio impegno per risollevare le sorti della squadra e regalare loro le soddisfazioni che meritano. La società LR Vicenza desidera ribadire la propria fiducia nel lavoro svolto in queste settimane da mister Cristian Brocchi e dal suo staff tecnico».

Trovare una soluzione all’emorragia di sconfitte è molto complicato. In questo momento il club biancorosso sceglie di andare avanti a testa bassa, convinto che alle buone prestazioni viste ultimamente possano seguire presto anche i risultati. Certo è dura mandare giù l’ultimo posto in classifica, ma non tutto è perduto quando mancano due partite al giro di boa. Il calendario ora mette di fronte il Vicenza a sfide difficili ma non impossibili e il gruppo allenato da Brocchi dovrà trovare le risorse interne per rosicchiare punti importanti a chi sta ora davanti. Prossimo appello, a Lecce, lunedì 20 in posticipo. 

 

Leggi anche
Quando la legge dei numeri è superata da un caffè al bar

Marta Benedetti