<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Spettacoli

Bogdan, il romeno breganzese ora recita con le star

di Alessandra Dall'Igna
L’incredibile vicenda del romeno di nascita ma breganzese ormai d’adozione. Domani nelle sale italiane il volto di Iordachioiu

Al regista Riccardo Milani è bastata una videochiamata per capire che il 60enne Bogdan Iordachioiu, romeno di nascita ma da 34 anni vicentino doc, sarebbe stato perfetto per interpretare uno dei cinque detenuti protagonisti del suo ultimo film "Grazie ragazzi", in uscita giovedì 12 gennaio nelle sale italiane.

Iordachioiu, da messo comunale ad attore

Ed è così che Bogdan, residente a Mirabella di Breganze ed impiegato in municipio a Caldogno come messo comunale, si è ritrovato catapultato a Roma sul set della nuova commedia di Milani, accanto ad Antonio Albanese, Fabrizio Bentivoglio, Sonia Bergamasco e Vinicio Marchioni. 
Dieci settimane - "avrei voluto fossero 9 settimane e mezzo" scherza Bogdan citando la pellicola con Kim Basinger - nelle quali ha vestito i panni del carcerato: l'opera racconta infatti la storia di Antonio (Albanese), attore appassionato ma spesso disoccupato, che accetta di insegnare laboratorio teatrale all'interno di un istituto penitenziario. Qui si trova di fronte ad una improbabile ma talentuosa compagnia di detenuti che riaccende in lui la passione e la voglia di fare teatro. Tra i cinque teatranti c'è anche l'attore romeno Bogdan Iordachioiu, che aveva debuttato al cinema con una piccola parte nel film “Villetta con ospiti" di Ivano De Matteo ottenuta grazie a Mira Topcieva del Centro Mira Project di Vicenza che si occupa di scouting. 

Dalla collaborazione con una agenzia vicentina ecco la parte nel film

E proprio la stretta collaborazione tra l'agenzia vicentina e il regista Milani, che in zona ha girato il film "Mamma o papà" e la serie Rai "Di padre in figlia", ha consentito a Bogdan di entrare in contatto con Milani: a convincere il regista non soltanto la faccia espressiva, le qualità attoriali e canore, e la battuta pronta, ma anche una vicenda personale che potrebbe trasformarsi in un'avvincente pellicola. 

Iordachioiu è stato professionista di hockey su ghiaccio fuggito dalla Romania

Bogdan, ex giocatore professionista di hockey su ghiaccio dello Steaua di Bucarest, ha infatti un passato da profugo: nel 1989, qualche mese prima della caduta del regime, è fuggito dalla Romania assieme ad un collega hockeista. Per raggiungere l'Italia e la libertà ha rischiato di finire in mano prima alle terribili guardie di confine di Ceausescu e poi degli jugoslavi, pronti a barattare i fuggiaschi per un po' di sale. Alla fine di una rocambolesca fuga, Bogdan è approdato prima in Germania e poi sull'Altopiano dei Sette Comuni, dove è stato accolto e ingaggiato dall'Asiago Hockey per circa due anni e mezzo. Ha poi giocato per il Bosco Chiesanuova e ha allenato diverse squadre di hockey, finché la vita lo ha portato a stabilirsi a Breganze, dove vive assieme alla moglie Elena e alla figlia 14enne Maria Ines. Cinque anni fa, ha riscoperto la passione per il teatro e ha deciso di iscriversi al Centro Mira Project.

«Avevo già recitato in Romania, sia a teatro che al cinema, e volevo tornare a calcare il palcoscenico - racconta Bogdan - ma non avrei mai immaginato di ritrovarmi sul set accanto ad alcuni tra gli attori più importanti del cinema italiano. E la cosa sorprendente è che Milani mi ha preso dopo un solo provino al telefono: il giorno seguente ero già alla prova costume, evidentemente aveva bisogno proprio della mia faccia». Per la preparazione della parte, Bogdan è anche andato anche a scuola di canto: il suo personaggio deve infatti interpretare una canzone d'amore romena accompagnandosi con la chitarra. Un brano difficilissimo che ha richiesto l'aiuto di un insegnante del Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma.
«È stata un'esperienza davvero straordinaria - conclude Bogdan Iordachioiu - che dimostra come i sogni si possano inseguire anche alla mia età».

Suggerimenti