CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

15.07.2017

Dipendente ruba
l'oro per comprare
la droga: arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri
L'uomo è stato arrestato dai carabinieri

VICENZA/GRANTORTO. In sette mesi un dipendente di un’azienda orafa vicentina aveva rubato 300 grammi d’oro, e per questo è stato arrestato dai carabinieri di Piazzola sul Brenta. Si tratta di Ivone Marchioro, 50 anni, di Grantorto (Padova), bloccato dai militari subito dopo essersi impossessato di 5 grammi i filamenti in "oro da saldatura" che aveva asportato dalla società dove lavorava, la "Rgs Srl" di Vicenza.

 

Dagli accertamenti svolti dai carabinieri, Marchioro avrebbe venduto dall’inizio del 2017 ad un compro oro del quartiere Arcella a Padova quasi 300 grammi di oro, in 47 cessioni, per un valore di oltre 9.000 euro. L’indagine è nata nell’ambito dei controlli svolti per contrastare la ricettazione e che aveva portato i carabinieri a scoprire che il nome dell’indagato compariva spesso nel registro di carico del compro oro. Così l’uomo è stato pedinato per un periodo scoprendo che, puntualmente, due giorni a settimana, si recava dalla sede di lavoro al compro oro e poi andava ad acquistare droga.

 

Ieri è scattata la trappola: i carabinieri hanno atteso che Marchioro entrasse nel compro oro, bloccandolo sulla porta trovandogli addosso alcuni grammi del metallo prezioso che il responsabile del negozio ha detto essere dello stesso materiale delle cessioni precedenti. Questa mattina l’indagato è stato portato davanti al giudice che ha convalidato l’arresto e ha rinviato l’udienza di giudizio per richiesta dei termini a difesa della difesa.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1