CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.10.2017

Minacce al cliente
dopo lo spaccio
Arrestato 28enne

I carabinieri hanno arrestato un 28enne per estorsione
I carabinieri hanno arrestato un 28enne per estorsione

VALDAGNO. Nel tardo pomeriggio di ieri i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Valdagno hanno arrestato, in flagranza,  E.P., 28 anni, di Valdagno, ritenuto responsabile del reato di estorsione.
Il tutto è iniziato poche ore prima quando un giovane di 23 anni, residente in città, si è presentato negli uffici della compagnia carabinieri di Valdagno per raccontare la situazione che stava vivendo e che gli stava creando una forte apprensione e timore per la propria integrità fisica, nonché per quella dei propri congiunti. Il ragazzo ha raccontato di avere contratto un debito di 100 Euro per l’acquisto di un grammo e mezzo di eroina da E.P., il quale gli aveva consegnato lo stupefacente a credito, con l’impegno che il denaro gli fosse dato dopo un paio di giorni. Per varie situazioni che si sono sovrapposte, il ragazzo non era riuscito a racimolare il denaro; così, il creditore aveva iniziato a telefonargli e a tempestarlo di messaggi chiedendo la consegna del dovuto, minacciando, in caso contrario, di attuare gravi ritorsioni che riguardavano l’incolumità fisica del debitore e dei suoi genitori. Il giovane, spaventato da quanto stava accadendo e convinto che l’autore delle minacce sarebbe stato in grado di attuarle, decideva di chiedere aiuto ai carabinieri per uscire da questa situazione che lo stava ormai logorando. Aggiungeva, inoltre, di avere proposto al suo creditore di pagare il debito consegnando la sua consolle giochi Xbox, e che quest’ultimo aveva accettato. Veniva, pertanto, intrapreso un servizio sotto copertura per accertare la reale sussistenza del reato ipotizzato, monitorando attentamente quando sarebbe accaduto, nel tardo pomeriggio dello stesso giorno, nel luogo fissato dalle due parti, ovvero il parcheggio del supermercato Famila di Valdagno.

 


Come concordato, E.P. si è presentato all’appuntamento, con la sua autovettura, per prelevare la console; non contento, assumeva un tono aggressivo nei confronti del giovane debitore, al quale chiedeva ulteriore denaro a completo saldo del debito. Immediato l’intervento degli operanti che hanno bloccato il 28enne, nei cui confronti è stata effettuata una perquisizione domiciliare che ha consentito di rinvenire un bilancino di precisione e 2 banconote da 50 Euro verosimilmente false. Per tali ragioni, si è proceduto al suo arresto in quanto responsabile, oltre che per il reato di estorsione, anche dei rati di spaccio di stupefacenti e dell’introduzione e spendita all’interno dello Stato di banconote false. Dopo le attività di rito, l’arrestato è stato associato alla Casa circondariale di Vicenza, a disposizione del pubblico ministero informato dagli operanti, che hanno provveduto anche al sequestro del materiale rinvenuto in sede di perquisizione.
 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1