<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Inquinamento

Smog, a Vicenza confermato il livello arancione almeno fino a venerdì. Chi può circolare

Stop ai veicoli privati diesel euro 5 e ai benzina euro 2 privati e commerciali

Almeno fino a venerdì 23 febbraio, quando l'Arpav pubblicherà il nuovo bollettino sui livelli di allerta PM10, nel territorio comunale di Vicenza resta confermato il livello arancione. Le limitazioni alla circolazione sono estese ai veicoli privati diesel euro 5 e a benzina euro 2 privati e commerciali. Fermi anche i ciclomotori e motoveicoli euro 1..

I divieti

Pertanto, in centro storico e nei quartieri della prima cintura urbana di Vicenza, non potranno circolare tutti i giorni, festivi inclusi, dalle 8.30 alle 18.30, i veicoli privati (M1, M2, M3) benzina euro 0, 1, 2 e diesel euro 0, 1, 2, 3, 4, 5; i veicoli commerciali (N1, N2, N3) benzina euro 0, 1, 2 e diesel euro 0, 1, 2, 3, 4; i ciclomotori e motoveicoli (da L1 a L7e) non catalizzati, immatricolati prima dell'1/1/2000 e non conformi alla direttiva 97/24/CE e i ciclomotori e motoveicoli euro 0, 1.

Oltre al centro storico sono compresi nel blocco i quartieri di Laghetto, San Pio X, San Bortolo, Quartiere Italia, San Francesco, Sant'Andrea, San Lazzaro, Santa Bertilla, Villaggio del Sole, Santi Felice e Fortunato e parte dei quartieri della Stanga (lato San Pio X) e di Saviabona.

Chi può circolare

Le eccezioni in vigore per il livello verde sono tutte confermate anche per quello arancione. L'elenco completo dei veicoli che possono circolare e l'autocertificazione sono disponibili sul sito del Comune.

Potranno comunque sempre circolare, indipendentemente dal livello di inquinamento dell'aria, i veicoli a emissione zero o ibridi purché funzionanti a motore elettrico; i veicoli alimentati a benzina o a gasolio dotati di impianti omologati per il funzionamento a Gpl o a gas metano purché utilizzino per la circolazione dinamica Gpl o gas metano.

Le limitazioni non valgono per i veicoli condotti da persone con Isee in corso di validità, pari o inferiore a 16.700 euro o da ultrasessantacinquenni (veicoli di proprietà o di un familiare).

L’eccezione comprende i veicoli con almeno tre persone a bordo (car-pooling); i veicoli commerciali a gasolio euro 3 e 4, dalle 8.30 alle 9.30, unicamente per carico e scarico merci; i veicoli utilizzati per cantieri edili e stradali cantiere esclusivamente dalle 8.30 alle 11 e dalle 15 alle 17.30.

Possono circolare anche i veicoli utilizzati per il trasporto di: bambini e ragazzi a scuola, persone con disabilità o che devono sottoporsi a visite mediche, persone che devono recarsi alla stazione dei treni o di Svt, ospiti di alberghi e strutture di accoglienza; i veicoli adibiti a cerimonie nuziali, funebri, etc; i veicoli che devono recarsi alla revisione obbligatoria,in uso a direttori e giudici di gare sportive, medici, paramedici, farmacisti e veterinari in servizio, donatori di sangue, ministri di culto, ambulanti dei mercati cittadini.

L'eccezione vale per i lavoratori limitatamente al percorso casa-lavoro più breve, a condizione che non ci sia sufficiente copertura del trasporto pubblico locale e che durante l'orario di lavoro l'autovettura privata rimanga in sosta e non sia utilizzata.

L'elenco completo dei veicoli che possono circolare e l'autocertificazione sono disponibili a questo link.

Limitazioni anche al riscaldamento

Con il livello arancione anche le limitazioni relative al riscaldamento si intensificano: riduzione della temperatura del riscaldamento a 18 gradi con tolleranza di 2 gradi nelle abitazioni e negli edifici pubblici, in caso di presenza di impianti alternativi non si possono utilizzare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (come legna da ardere, cippato o pellet) con prestazioni energetiche ed emissive inferiori alle 4 stelle.

Le sanzioni

Per chi non rispetta le limitazioni alla circolazione è prevista una sanzione amministrativa da 168 euro a 678 euro. In caso di reiterazione della violazione nel biennio, scatta anche la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da 15 a 30 giorni.

 

Leggi anche
Vicenza e il Veneto, smog alle stelle: è l'aria più irrespirabile d'Europa

 

 

Suggerimenti