<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
I controlli della Questura

Adunata Vicenza: si spacciano per alpini ma sono pregiudicati, quindici fogli di via

Quasi 1.300 chiamate al 113. In piazza dei Signori esplosi alcuni colpi con una scacciacani: caccia al responsabile
Centinaia di migliaia di persone hanno affollato Vicenza nei tre giorni di adunata
Centinaia di migliaia di persone hanno affollato Vicenza nei tre giorni di adunata
Centinaia di migliaia di persone hanno affollato Vicenza nei tre giorni di adunata
Centinaia di migliaia di persone hanno affollato Vicenza nei tre giorni di adunata

È stata rilevante l'attività della questura di Vicenza durante l'Adunata Nazionale Alpini 2024 che ha coinvolto, oltre agli operatori territoriali, personale dei Reparti di Rinforzo, Squadre Uopi, Unità Cinofile, Squadre Artificieri, Reparti Prevenzione Crimine ed oltre 20 operatori provenienti da Uffici Investigativi, agenti della Polizia Scientifica e specializzati nei servizi di scorta.

Pregiudicati nascosti tra la folla

Le persone identificate sono state 257 delle quali 87 risultavano avere precedenti penali. Complessivamente sono stati disposti 15 fogli di Via con divieto di ritorno nel comune berico per un periodo di 4 anni, a carico di persone con precedenti penali provenienti da altre provincie che, pur indossando il cappello tradizionale ed abbigliamento tipico degli Alpini, avevano cercato di confondersi fra la folla. L'attività di prevenzione ha consentito di contenere il numero delle denunce (12). Ingente tuttavia la mole di telefonate fatte al 113: 1289.

La 58 pattuglie della polstrada hanno controllato 94 veicoli e 99 persone, delle quali 2 sanzionate per guida in stato di ebrezza con relativo ritiro della patente di guida. Inoltre sono state ritirate 3 carte di circolazione e decurtati complessivamente 58 punti patente.

La Polizia Ferroviaria ha gestito un flusso di viaggiatori stimato in circa 250.000 persone.

Colpi di pisola in piazza dei Signori

Fra gli episodi di rilievo, nella tarda serata di sabato, una segnalazione per colpi di arma da fuoco in Piazza dei Signori che poi - grazie all’immediato rinvenimento del bossolo esploso - si è appurato essere stati fatti con una scacciacani. Non ancora identificata la persona che ha esploso i colpi.

Alla Fiera di Vicenza, c'era la Sala Operativa comune fra le Forze dell'Ordine che, in costante collegamento con il Ccs, ha assicurato una risposta immediata alle varie criticità. Inoltre, gli operatori delle diverse forze di polizia impiegate nei servizi, oltre ai tradizionali mezzi di comunicazione, si sono avvalsi anche dell'utilizzo di applicazioni informatiche per rimanere costantemente aggiornati sulle fasi della manifestazione e pronti ad intervenire.

Suggerimenti