<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Una giovane di Malo

Dipinge un murale su Renato Zero e lui ne fa un poster per il tour. E poi la chiama anche Gianni Morandi

Arianna Vidale, 27 anni di Malo, gli ha fatto trovare l'opera al concerto di Conegliano e il suo staff l'ha voluta per tutte le date. Poi l'incontro: «Non riuscivo a spiccicare parola, lui mi ha detto "Farai molta strada"»
Il murale disegnato da Arianna Vidale per Renato Zero
Il murale disegnato da Arianna Vidale per Renato Zero
Il murale disegnato da Arianna Vidale per Renato Zero
Il murale disegnato da Arianna Vidale per Renato Zero

A tutto pensava ma non che dietro a quel numero riservato che l’ha chiamata un paio di sere fa, ci fosse lui. Ha stentato a crederci quando dietro a quel «Sei tu Arianna vero?» ha riconosciuto la voce di Gianni Morandi. Ma Arianna Vidale, 27 anni di Malo non è nuova a questo tipo di incontri.

La prima opera dedicata a Renato Zero durante la pandemia

Formatasi all’istituto Boscardin di Vicenza, ha poi vissuto un’importante esperienza sul campo con La compagnia del villaggio, fino ad aprire nel 2018 la sua attività di artista che l’ha portata a realizzare murales in diversi paesi. Dopo averne fatto uno a Malo, durante la pandemia, dedicato a Renato Zero, ne ha realizzato un altro per la tappa di Conegliano del tour di quest’anno, che poi l’ha accompagnato in tutte le date successive.

«Ho scoperto Renato Zero qualche anno fa - rivela - durante un’intervista ha detto che c’è Renato Fiacchini, l’uomo, e Renato Zero l’artista e che queste due parti a volte litigano. Siccome capita anche a me, ho pensato: ma allora qualcuno mi capisce». Così tre anni fa, come augurio per il suo compleanno, ha realizzato un murale che è rimbalzato sui social fino ad arrivare al manager dell’artista, che le ha scritto e si è complimentato.

Il murale per la tappa di Conegliano del tour

«Quando ho saputo che a marzo il tour faceva tappa a Conegliano - racconta - ho pensato che non potevo farmi scappare l’occasione». Ha mostrato il bozzetto al sindaco e la sua opera, in polistirene, 6 metri di base per due di altezza, è finita niente meno che alla Zoppas Arena, sotto al palco. «Mentre la esponevo il fratello di Renato mi ha riconosciuta e mi ha preso sotto la sua ala. Abbiamo concordato che era meglio non mandare foto a Renato ma lasciargli la sorpresa il giorno del concerto».

L'incontro con Renato Zero

A quanto pare gli è piaciuto così tanto che le è stato chiesto di poterlo usare per tutta la tournèe. «Per l’artista che è in me non poteva esserci proposta migliore, era un sogno che si avverava». L’incontro con lui è avvenuto a Mantova: «Non sono riuscita a spiccicar parola, ma lui è stato molto tenero. Mi ha detto: “continua così, farai strada”. Penso abbia colto la mia umiltà». 

Arianna Vidale e il murale di Gianni Morandi
Arianna Vidale e il murale di Gianni Morandi

E i complimenti di Gianni Morandi

Sette minuti, tanto è invece durata la telefonata fatta da Gianni Morandi ad Arianna: «Voleva congratularsi per il murale che ho fatto a casa di una sua fan: il regalo del marito per i 50 anni di matrimonio» racconta la giovane artista. «Sei molto brava - le ha detto - sembro proprio io». «Durante la settimana che ho trascorso con loro - spiega ho sentito quanto il lavoro di un cantante fa bene ai suoi fans. Ma man mano che la mia opera prendeva forma ho sentito quanto l'hanno apprezzata. In questo senso, seppur a livello diverso, ci somigliamo. Il valore dell'arte è questo».
 

Marialuisa Duso

Suggerimenti