<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Asiago

In venticinquemila con il naso all'insù per "Fiocchi di luce" / FOTO E VIDEO

E il sindaco Roberto Rigoni Stern spegne le polemiche: «I 60 mila euro necessari sono stati coperti quasi tutti con gli sponsor: critiche ormai stantie»
Asiago, Fiocchi di luce

Un successo in continua crescita. L'edizione 2024 di Asiago Fiocchi di Luce ha superato ogni attesa degli organizzatori, toccando quasi 25 mila presenze nelle tre serate. Un'affluenza turistica che a momenti ha messo a dura prova la viabilità attorno ad Asiago, sia prima sia dopo gli spettacoli pirotecnici, anche se stando alle indicazioni degli uffici comunali non si sono registrate particolari lamentele.

Lunghe file di auto e camper

Lunghe file di auto, corriere e camper si sono formate infatti lungo tutte le vie principali d'accesso ad Asiago e attorno al centro storico. Presi d'assalto anche ristoranti e bar prima degli spettacoli e gli alberghi hanno registrato praticamente il tutto esaurito confermando quanto Fiocchi di Luce piaccia al pubblico. «Questa manifestazione piace - commenta il sindaco Roberto Rigoni Stern, che aveva caldeggiato l'evento quando era ancora assessore al turismo -. Il suo successo si declina in vari aspetti: la bellezza degli spettacoli stessi, la scelta delle tematiche che ogni anno cambiano a con esse anche le musiche che accompagnano i fuochi d'artificio e anche l'organizzazione di Parente Fireworks e DuePunti Eventi, oltre al lavoro fatto dalla polizia locale, i carabinieri e le associazioni di volontariato che partecipano attivamente nel regolare il traffico e i parcheggi».

Asiago Fiocchi di luce (RIGONI)

Spesi 60 mila euro, 55 mila coperti dagli sponsor

Qualche polemica, «che si ripete ogni anno», è stata sollevata in merito al costo della manifestazione, circa 60 mila euro per le tre serate, nonché per il disturbo alla fauna selvatica e agli animali domestici per i fuochi. «Polemiche oramai stantie, avanzate sempre dai soliti - riprende Rigoni Stern -. Il costo della manifestazione è coperto per 55 mila euro dagli sponsor, quindi a copertura quasi totale della spesa, gravando quindi pressoché per nulla sul bilancio comunale. Segno che le aziende credono in questa manifestazione e nella capacità di Asiago, nonostante un inverno anomalo, di attrarre turisti. Per quanto riguarda l'ipotizzato disturbo agli animali, i fuochi sono poco impattanti essendo sparati bassi, durano mezz'ora e sono coperti per la maggior parte dalla musica. Con questa mentalità allora non si dovrebbe fare alcunché in montagna, nemmeno andare a camminare. Asiago Fiocchi di Luce, come molte altre manifestazioni, porta economia e visibilità al territorio, permettendo all'Altopiano di presentarsi accogliente e ospitale. La dimensione artistica non comune della manifestazione infine dona momenti di allegria e spensieratezza, cosa di cui si ha bisogno, ed evoca la bellezza dell'ambiente in cui si realizza. Per me sono qualità che meritano di essere valorizzati e vista la partecipazione cospicua credo che molti la vedano come l'Amministrazione comunale».

Gerardo Rigoni

Suggerimenti