L'evento

Vicenza Comics&Games, fantasia al potere. Manga e cartoons sfilano in Fiera

Nei padiglioni di via dell’Oreficeria sfilata degli amanti dell’intrattenimento legato agli eroi della cultura pop anni ’80, ’90 e Duemila
Vicenza Comics&Games (COLORFOTO)

Fantasia al potere. Costumi da Spiderman, completini da Sailor Moon, outfit da Regina di cuori. E poi abiti in latex, zeppe vertiginose, parrucche psichedeliche, orecchie di pelouche. Alcuni travestimenti sono facilmente identificabili – gli eroi Marvel, Naruto, One Piece – altri sono chicche riservate ai veri intenditori. (Almeno) quattro decenni di cultura pop-nerd condensati in un weekend. Il paradiso in terra per divoratori di fumetti e manga, giocatori di videogame, appassionati di tendenze nipponiche e coreane (presente le hit del K-pop?) si materializza di buon mattino nei padiglioni della fiera. 

Il Comics&Games mancava dal 2019

Da ieri e per tutta la giornata di oggi, domenica 2 ottobre, il capoluogo berico è infatti la capitale dell’intrattenimento anni Ottanta, Novanta e Duemila grazie al gran ritorno di “Vicenza Comics&Games”, nuova veste di “Vicomix”. Una vetrina che mancava dal 2019 – da prima della pandemia insomma – e che si è finalmente illuminata e riempita con le proposte (per tutti i gusti e le età) di oltre 200 espositori coinvolti da Blu Nautilus srl nell’ambito del cartellone di “Fieredelfumetto.it”.

A firmare il manifesto dell’edizione 2022 è Giorgia Lain, fumettista per il webcomic #vengoanchio. Fumetti dunque, ma anche modellini, action figures, miniature, giochi da tavolo, card game, gadget, accessori. Collezionabili, acquistabili, scambiabili. Ci sono portachiavi e calamite, spille e figurine. T-shirt e persino tutine da neonato, tazze, lampade. Il tutto “griffato” con i loghi, i nomi, i volti dei personaggi più celebri del panorama anime, da Dragon Ball a Pokemon, passando per Detective Conan. Personaggi resi ancora più mainstream dalla consacrazione pomeridiana della tv commerciale, che ha cresciuto a latte e cartoni intere generazioni. 

Giorgio Vanni ha cantato le sigle dei cartoon più amati 

Impossibile perciò non riconoscere alla prima nota le sigle dei cartoons che hanno fatto la storia rendendo immortale una tra le voci più amate del settore, Giorgio Vanni. La versione maschile di Cristina D’Avena, tra gli ospiti più attesi ieri pomeriggio, si è esibito live per il pubblico inanellando una serie di amatissimi successi. Difficile non tornare bambini, almeno per qualche ora. Soprattutto se nel complesso fieristico sono a disposizione corner per il combattimento con spade laser, tavoli per le sfide a carte, zone per i classici giochi da tavolo. 

Lo spazio dedicato ai videogame

E poi, naturalmente, loro, i videogame: dagli ultimi titoli da provare gratuitamente negli stand di Game Over Computer fino agli “antenati”, i mitici cabinati arcade anni ’80 e ’90. C’è chi dispensa abbracci gratuiti, chi si fa fare un ritratto stile manga, chi acquista lecca-lecca giganti o sacchetti di caramelle colorate d'ispirazione giapponese. Un’intera sezione è dedicata all’universo comics, con pile e pile di pubblicazioni italiane e internazionali, grazie alla partecipazione di case editrici, fumetterie e autori, mentre l’Artist Alley mette in mostra disegnatori, illustratori, scrittori ed editori indipendenti.

Tra gli ospiti della due giorni fantasy anche Edoardo Brugnoli, creator, pianista e insegnante di formazione classica, con una grande passione per il mondo degli anime e delle colonne sonore. Atteso, proprio oggi, domenica 2 ottobre, anche Sabaku no Maiku, conosciuto anche come Mike of The Desert, ovvero Michele Poggi, youtuber e streamer. Ancora per tutta la giornata dunque, il fantastico mondo dei cartoni prenderà vita, culminando nella combattutissima gara di cosplay. Biglietto d’ingresso giornaliero a 8 euro e abbonamento nominale per due giorni a 15 euro acquistando online con DIY Ticket. Bambini ingresso gratuito fino a 6 anni. 

Giulia Armeni