Vicenza

Stretta sulla sicurezza: pattuglie fisse in centro

La decisione è stata presa ieri mattina dopo un incontro a palazzo Trissino e sempre ieri, in serata, è diventata operativa. Stretta sui controlli in due zone particolarmente delicate della città, con l’avvio di pattugliamenti fissi da parte della polizia locale. 
Il provvedimento è stato voluto dal sindaco Francesco Rucco dopo i recenti fatti di cronaca che hanno interessato la città, generando anche una certa apprensione tra i vicentini. Nel dettaglio, in questa fase, sotto la lente finiranno in particolare la zona di via Firenze e via Torino, con uno sguardo sull’intero “quadrilatero” fino a viale Milano e viale Roma, e, dall’altra parte del centro, piazza Matteotti con Ponte degli Angeli e la zona di Santa Lucia. 
A far scattare la decisione di “blindare” via Firenze, con una presenza fissa in due turni - mattina e sera - di agenti della polizia locale è stato in particolare l’accoltellamento verificatosi il 28 dicembre. La zona, in realtà, non è nuova a episodi movimentati e a momenti di tensione, ma la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, spingendo l’amministrazione a un inasprimento dei controlli, è stata quell’aggressione violenta avvenuta verso le 17 di un martedì di dicembre, mentre la città è ancora nel pieno della sua attività, e che non ha certo lasciati tranquilli i residenti della zona o chi nei paraggi ci lavora. La pattuglia destinata ai controlli concentrerà i passaggi soprattutto tra via Firenze e viale Torino, in modo da monitorare la situazione e fungere anche da deterrente. Gli agenti si muoveranno a piedi o con un mezzo di servizio, e potranno in caso di necessità contare sulla presenza dei colleghi del Nos operativi nell’area del distaccamento di Campo Marzo, aperto di recente. 
Sorveglianza e deterrenza sono gli obbiettivi fissati anche per il servizio intensificato nella zona di piazza Matteotti. In questo caso, però, la presenza della pattuglia sarà concentrata in particolare nel tardo pomeriggio, dopo le 18, e nella fascia serale, con un’estensione dei passaggi anche fino a Ponte degli Angeli e Santa Lucia. In questa parte di città, pur non essendo emersi negli ultimi tempi episodi specifici di aggressioni o violenza, l’obiettivo è quello scongiurare situazioni di tensione, vista anche la presenza di numerose persone senza fissa dimora che si rifugiano tra le vie e sotto il portico di palazzo Chiericati, a volte anche in stato di alterazione. 
«Anche alla luce degli ultimi episodi - ha spiegato il sindaco Francesco Rucco - abbiamo deciso di rafforzare i controlli sul territorio, dirottando delle risorse che svolgevano altri servizi al controllo di due aree della città. Dobbiamo fare i conti con l’organico attuale e al momento la priorità è questa». «La prima area - precisa - è il quadrilatero tra via Firenze, viale Milano, viale Roma e la seconda riguarda piazza Matteotti e Santa Lucia. Si tratta di attenzionare due zone delicate con l’obiettivo di garantire più presenza possibile sul territorio attraverso la polizia locale». «In via Firenze abbiamo previsto la presenza di una pattuglia fissa che gira su due turni, mattina e sera, per garantire tranquillità ai residenti che hanno segnalato la presenza di situazioni pericolose. Lavoreremo con le forze dell’ordine per avere supporto operativo». 
Presente all’incontro di ieri mattina anche il consigliere delegato ai progetti per la sicurezza Nicolò Naclerio. «Compatibilmente con il personale a disposizione ed esigenze di sicurezza - sottolinea Naclerio - la nostra polizia locale con il supporto dei Nos sta facendo il massimo. Consapevoli che le forze di polizia dello stato sono perlopiù impiegate a controllare i green pass, i nostri agenti lavorano anche oltre il loro dovere per garantire la sicurezza in città. Sia io che il sindaco stiamo monitorando la situazione, al fine di coordinare al meglio l’operato della polizia locale». 

Leggi anche
Accoltellato al torace in mezzo ai passanti. Grave un 45enne

 

Alessia Zorzan

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a Il Giornale di Vicenza e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de Il Giornale di Vicenza, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati