CHIUDI
CHIUDI

12.09.2019

Sposa bambina
violentata
Otto anni all’orco

Per anni la donna ha subìto violenze
Per anni la donna ha subìto violenze

VICENZA. Un matrimonio combinato a distanza, tra famiglie, come avviene nella loro tradizione, in Bangladesh. Lei, sposa bambina, quando viene offerta a lui, venticinquenne, ha appena 15 anni. L’unione, avvenuta con rito islamico, nel nostro Paese non ha valore. Per le due famiglie dei protagonisti invece sì. E così, una figlia che fino ai quindici anni  non può nemmeno rivolgere la parola agli uomini, sempre secondo usanze, può essere data in “dono” per sempre. Ma quel “matrimonio” combinato per la ragazzina si trasforma subito in un inferno. Lui la sottomette, fisicamente e psichicamente. Lei subisce. Anni di violenze e soprusi, fino a quando non riesce a scappare e a denunciare tutto, nel 2013. È in quel momento che scattano le indagini che poi porteranno al processo. Il caso ha trovato l’epilogo ieri quando il tribunale collegiale ha condannato l’uomo, nel frattempo divenuto 35enne, a 8 anni e mezzo di reclusione e a un risarcimento danni in favore della parte civile, la moglie bambina assistita dall’avvocato Raffaela Di Paolo, di 60 mila euro. La giovane ex “sposa”, che dal compagno ha avuto un figlio, ha cambiato città. Non vive più a Vicenza. La sua famiglia, che evidentemente ha capito a cosa l’aveva mandata incontro, dopo un periodo di rifiuto l’ha riabbracciata.
 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1