CHIUDI
CHIUDI

09.11.2019

Si finge il padre
di un bimbo non suo
«Alterazione di stato»

Il tribunale di Vicenza
Il tribunale di Vicenza

VICENZA. Un operaio di origini ghanesi è indagato dalla procura per alterazione di stato, un reato grave che prevede pene fino a 10 anni di reclusione. Avrebbe simulato di essere il padre di un bambino di 9 anni, figlio in realtà di africani suoi amici di famiglia, per poterlo portare e regolarizzare in Italia. In realtà, dagli accertamenti compiuti grazie anche alle autorità consolari sono emerse una serie di anomalie. Lo avrebbe fatto per tenere con sè il bambino. L’indagato si difende spiegando di non aver compreso bene quello che aveva firmato. 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1