Vicenza

Scoppia il caso delle "ronde nere" anti baby gang: indaga la Digos

Una delle foto pubblicate sui social network dal gruppo che si fa chiamare “Vicenza Blackflag”
Una delle foto pubblicate sui social network dal gruppo che si fa chiamare “Vicenza Blackflag”

Scoppia il caso delle ronde di estrema destra. La Digos sta indagando su un gruppo che si fa chiamare “Vicenza Blackflag” e che, lunedì sera, ha affisso uno striscione sulla recinzione di giardino Salvi con un messaggio rivolto ai bulli che nelle ultime settimane stanno creando scompiglio in città.

“Contro le baby gang sei solo tu e la tua crew”, è lo slogan lanciato dalle dodici persone che si sono fatte fotografare davanti allo striscione.

Per i detective sono però molto più preoccupanti le parole utilizzate dagli appartenenti al gruppo nel loro profilo Instagram, dove hanno rivendicato il blitz in piazza Castello. Vicenza Blackflag, infatti, invita i vicentini a «contrastare questa feccia che invade le nostre strade», presupponendo che i teppisti siano stranieri. 
 

Valentino Gonzato