Vicenza

Scoperto il pirata informatico: il finto bancario svuotava i conti

È una delle prime volte che finisce a processo un hacker che si è arricchito con il phishing. Un cittadino romeno di 39 anni è a processo per frode informatica dopo essere stato identificato dalla procura distrettuale antimafia e dalla polizia postale. Avrebbe mandato una serie di email spacciandosi per funzionario di banca, precisando ai clienti che c’erano problemi nel conto corrente e che era necessario fornire login e password di accesso. Fra gli altri, una giovane vicentina ci era cascata e lui era entrato con le credenziali della vittima portandole via 4 mila euro prima che lei se ne accorgesse e bloccasse il conto. Ora il presunto pirata potrà difendersi.

Diego Neri

Suggerimenti