Vicenza

San Bortolo, restano solo 8 posti Covid. Caccia a nuovi letti

Otto posti ancora. Poi, al San Bortolo, il serbatoio dei letti-Covid finisce. Inizia un countdown fitto di ansia, di incognite, anche di speranze. Mai il futuro è stato così indecifrabile da quando è entrato dentro le nostre vite un virus che oggi appare ancor più beffardo, cinico, minaccioso.

Nell’ospedale di Vicenza, in tutto l’apparato di difesa messo in piedi nei reparti di prima linea, i pazienti ricoverati possono arrivare a 95: ora sono 87, vale a dire che rimangono solo 8 posti. Poi, per arginare un’invasione senza tregua di nuovi pazienti da ricoverare, oltre 10 al giorno, e trovare posto a malati bisognosi di aria, a persone da salvare, l’Ulss sarà costretta a smontare, pezzo dopo pezzo, l’ospedale non-Covid, a bloccare, sospendere gradualmente l’attività ordinaria.  Scatta il piano per la creazione di altre 65 degenze in medicina generale, pneumologia e a Valdagno.

 

Franco Pepe

Suggerimenti