CHIUDI
CHIUDI

07.04.2020 Tags: Caritas , Vicenza , prostitute

Pure le prostitute
rischiano la fame
e chiedono aiuto

Una scena ormai scomparsa dopo l’introduzione delle restrizioni. FOTO D’ARCHIVIO
Una scena ormai scomparsa dopo l’introduzione delle restrizioni. FOTO D’ARCHIVIO

Sono sempre di più le prostitute che chiedono aiuto alla rete anti-tratta del Veneto e alla Caritas diocesana, perché il Paese in quarantena ha azzerato i clienti e fatto venir meno la principale fonte di reddito di chi vende il proprio corpo. Una quindicina quelle che vengono attualmente seguite, alle quali si dà assistenza anche per riuscire a pagare l'affitto, le bollette, i medicinali. Ci sono nigeriane, donne dell'Est Europa, transessuali sudamericane. 

«Le economie nascoste non riescono più a garantire a queste donne la sussistenza minima», spiegano dalla cooperativa Equality che attua il progetto Nave (Network anti-tratta per il Veneto). «Senza un supporto, il pericolo è di perdere tutto e finire nel baratro».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1