CHIUDI
CHIUDI

12.12.2017

Processo BpVi
Stralciato Sorato
«Zonin è sereno»

VICENZA. ore 13.45 Anche Bankitalia ha presentato richiesta di costituzione di parte civile. Secondo alcuni dei legali di parte civile, alla fine le richieste di costituzione di parte civile saranno fra  le 7 e le 9 mila. Prossima udienza il 21 dicembre quando sarà stabilito il calendario dei prossimi appuntamenti davanti al Gup.

 

ore 13.30 «Una cosa è certa: non se ne ricaverà un centesimo di risarcimento da tutto questo. Non alimento delle illusioni e non lo farò mai nei confronti dei miei assistiti». Lo ha detto l’avvocato Luigi Fadalti, che rappresenta circa 200 risparmiatori raggruppati negli Azionisti Associati Banca Popolare di Vicenza, parlando con i giornalisti a margine dell’udienza preliminare su BpVi. «Se anche fossero cumulabili i patrimoni di tutti i soggetti citati in giudizio - ha spiegato - e tutti fossero condannati la somma ricavabile sarebbe una goccia nel mare. Deve intervenire lo Stato». 

Per l’avvocato Renato Bartele, presidente dell’Associazione Nazionale Azionisti Banca Popolare di Vicenza «alla fine non tanti avranno diritto al risarcimento, ma proprio per questo anche delle piccole somme diventeranno grandi per i singoli. Spero che chi può mettere soldi, lo Stato per esempio può, li metta. Spero anche anche Intesa metta quelli che ha promesso, magari anche un pò di più». 

 

ore 12.30 La posizione dell’ex dg di Popolare di Vicenza, Samuele Sorato, è stata stralciata «per motivi di salute». Lo ha detto uno dei difensori di Sorato, l’avvocato Fabio Pinelli, uscendo dall’aula. La posizione di Sorato sarà valutata dal gup l’11 gennaio.

 

ore 11.30 «Il dottor Zonin potrebbe avvalersi della facoltà di non rispondere ma non lo farà e sarà a disposizione, come già stato dell’autorità giudiziaria, anche della commissione parlamentare. Lo considera un suo preciso dovere e lo farà», ha precisato l'avvocato dell'ex presidente BpVi che, come detto, domani sarà ascoltato dalla commissione parlamentare sulle Banche.

 

ore 11.15 Fra gli avvocati arrivati a Vicenza ci sono quelli dell’Unione consumatori, che rappresentano 400 persone e che si sono presentati con 5 trolley di documenti.

 

ore 10.50 E' iniziato il maxi processo davanti al giudice Roberto Venditti. Tanti i risparmiatori ancora in fila per completare le fasi di registrazione e costituirsi quindi parte civile.

Presente in aula, tra gli altri, anche il legale di Gianni Zonin, l'avvocato Enrico Ambrosetti: «Il dottor Zonin è molto addolorato per questa vicenda, ma sereno che il processo chiarirà la sua posizione e l'assenza di ogni responsabilità» (VIDEO).

Confermata domani la presenza di Zonin in commissione parlamentare; l'ex presidente BpVi, secondo quanto comunicato dal presidente Pierferdinando Casini, sarà audito alle 18.

 

ore 9 Sono già arrivati i primi risparmiatori che oggi si costituiranno parte civile nel processo contr gli ex vertici BpVi. Nessuna protesta eclatante, ma qualche bandiera e un paio di striscioni, tra cui "Basta truffe" e "Risparmi rubati". 

 

ore 6 È arrivato il giorno del giudizio. Con la prima udienza preliminare, nell’aula C del tribunale di Borgo Berga, si apre questa mattina il processo alla Banca popolare di Vicenza e a sette dei suoi ex vertici. Per il maxi processo che la Cassazione proprio l’altro giorno ha confermato debba essere svolto integralmente a Vicenza, città di cui BpVi per anni è stata cassaforte e anima, sono state previste misure eccezionali. Come del resto i numeri richiedono. A presentarsi, tra oggi e venerdì, ultima udienza per il momento calendarizzata, potrebbero infatti essere migliaia di persone. 

Intanto ieri è scattata la bonifica: spazi controllati da cima a fondo, filtri e controlli agli ingressi del palazzo di giustizia in attesa dell’arrivo di centinaia di persone. 

Matteo Bernardini
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1