Vicenza

Morto da solo in casa. Ritrovato dopo due giorni dai vicini

Il dramma nel quartiere di San Lazzaro a Vicenza. In città esiste il servizio "Non sei solo" per chi non ha punti di riferimento.

I vicini di casa non riuscivano a contattarlo da un paio di giorni, così hanno deciso di lanciare l'allarme. Maurizio Zanetti, 65 anni, è stato trovato senza vita ieri, sabato 17 settembre, nella sua abitazione di via Leoncavallo 26. Nel quartiere di San Lazzaro sono arrivati i carabinieri della Compagnia di Vicenza, il soccorritori del Suem e i vigili del fuoco dal comando di via Farini.

È stato necessario forzare la porta per entrare

Questi ultimi sono riusciti a forzare la porta dell'abitazione dell'uomo, che viveva da solo. L'équipe medica non ha potuto fare altro se non constatarne il decesso e i militari dell'Arma hanno portato a termine tutti i rilievi necessari in situazioni come questa.

Il servizio per chi è da solo

Proprio per alleggerire la vita dei vicentini che si ritrovano soli è stato pensato "A Vicenza non sei solo", il servizio per chi si trova senza punti di riferimento in città. Ora, spiega l'assessore al sociale Marco Zocca, diventerà strutturale: l'assessorato ha già garantito i fondi affinché il numero di telefono e il servizio gestito dall'associazione La Casetta restino attivi anche il prossimo anno. In media, per i tre mesi di attività estiva, sono stati registrati 330 contatti (302 telefonate e 28 appuntamenti di persona) che, quindi, sono più di tre al giorno. Le richieste principali, arrivate da un'utenza con 62 anni di media, hanno riguardato i temi più disparati per le richieste d'aiuto e gli operatori hanno cercato di dare risposte concrete.

I numeri del servizio di assistenza

A giugno ci sono state 83 chiamate e 8 utenti ricevuti su appuntamento, mentre a luglio sono stati rispettivamente 114 e 7 e ad agosto 105 e 13. Se poi ci si addentra nella tipologia delle richieste ricevute dagli addetti, sono state soprattutto relative a informazioni generali su servizi e uffici comunali o di altre associazioni (16,4 per cento); all'attivazione di trasporti per visite mediche o esami (12,4 per cento); al bonus utenze domestiche (5,2 per cento), al contributo famiglie (9,4 per cento) e a altri sostegni economici (11,5 per cento) ma non è stata dimenticata nemmeno l'emergenza legata all'Ucraina (10,9 per cento).

Lo sportello ha attivato diversi servizi: per il 68 per cento delle volte è stato allacciato il contatto tra i cittadini in difficoltà e i servizi sociali (67,9%), ma c'è anche il rinvio al Centro servizi sociali territoriali (7,3 per cento) e a altre associazioni(3%). È stato possibile rispondere alle richieste di trasporto grazie all'associazione Senior Veneto per quanto riguarda gli anziani o le visite mediche (3,9 per cento) e da Unitalsi per utenti fragili che necessitano di visite mediche e controlli (0,9 per cento). Non sono mancati nemmeno supporti con procedure online legate all'Ulss ma anche alle compagnie telefoniche. Sono inoltre aumentate le chiamate degli over 80 (23 per cento), mentre gli over 90 sono stati l'8 per cento.

È possibile contattare lo 0444.221020, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e martedì e giovedì anche dalle 15.30 alle 17.30.

Karl Zilliken