Vicenza

Mercatini di Natale con mascherina. Pronta l’ordinanza

Nella foto d'archivio i mercatini di Natale in corso Fogazzaro a Vicenza
Nella foto d'archivio i mercatini di Natale in corso Fogazzaro a Vicenza
Nella foto d'archivio i mercatini di Natale in corso Fogazzaro a Vicenza
Nella foto d'archivio i mercatini di Natale in corso Fogazzaro a Vicenza

Non bisogna andare troppo distante per raccogliere lo spunto. Il Comune di Asiago è stato precursore. «È una misura preventiva per cercare di salvare la stagione estiva e quella invernale», commentava il sindaco Roberto Rigoni Stern alla vigilia dell’entrata in vigore dell’ordinanza che aveva introdotto l’obbligo di utilizzo della mascherina all’aperto, lungo corso IV Novembre (la via principale), nelle piazze e in tutte le aree pubbliche dove potevano verificarsi degli assembramenti. Il provvedimento - in vigore dal 15 luglio al 31 agosto - tornerà ad essere operativo a partire dall’8 dicembre dopo essersi rivelato vincente, al punto da essere “copiato” da diversi colleghi. Già, perché altri Comuni del Veneto nei giorni scorsi hanno seguito l’esempio del sindaco dell’Altopiano: Verona, in primis, e Venezia a seguire.

E ora potrebbe toccare anche a Vicenza che, come annunciato da Francesco Rucco, si sta coordinando con il Comune di Treviso per introdurre nei prossimi giorni le restrizioni specifiche. 
Difficile definirlo un dietrofront, dato che nel giro di una settimana la situazione relativa ai contagi si è complicata. Tuttavia è sicuramente un cambio di pensiero, quello dell’amministrazione, rispetto a un provvedimento che giusto sette giorni fa veniva considerato non necessario. «Ci siamo sempre attenuti a quanto previsto dai dpcm e continueremo dunque a seguire questa linea e non verrà fatta alcuna ordinanza per introdurre l’obbligo di mascherina all’aperto nelle zone a rischio assembramento, come quelle che ospitano i mercatini di Natale», aveva dichiarato l’assessore alle attività produttive Silvio Giovine una settimana fa. Ora, però, Rucco, consapevole della necessità di limitare la diffusione del virus e volendo evitare chiusure, tira il freno e ribadisce la necessità di introdurre restrizioni per l’utilizzo del dispositivo. «Sì - conferma - ci stiamo coordinando con il sindaco di Treviso Mario Conte e se non interviene l’autorità superiore, il governo o la Regione, allora faremo noi un’ordinanza. Va, però, precisato che già in settimana ci sarà la conferenza Stato-Regioni che potrebbe esprimersi su questo aspetto. E quindi il nostro provvedimento potrebbe essere superato dal decreto del governo». 

 

Ma cosa potrebbe prevedere l’ordinanza del Comune di Vicenza? Rucco per ora non si sbilancia e si limita a dire che «sarà simile a quella del Comune di Verona». Proprio una settimana fa il primo cittadino del capoluogo scaligero Federico Sboarina, su richiesta arrivata in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, ha firmato il provvedimento che prevede l’utilizzo del dispositivo di protezione obbligatorio per cittadini e turisti che visiteranno le piazze e i luoghi in centro dove sono allestiti i mercatini di Natale. E dunque, in piazza dei Signori, Cortile del Tribunale, Cortile Mercato Vecchio, ponte Pietra e ponte Castelvecchio. Non rientra nell’ordinanza l’area dell’Arsenale dove trovano posto con una logistica probabilmente di più ampio respiro, la pista da ghiaccio e altri spazi espositivi.

 

Anche a Vicenza in realtà gli eventi legati al Natale sono diversificati. A Campo Marzo è stata allestita la pista di ghiaccio, e anche le fiere di Natale e dell’Epifania (su recente decisione della giunta) sono state trasferite da piazza dei Signori in viale Roma. Qui sarà quasi sicuramente introdotto l’obbligo di mascherina. Probabile che l’obbligo riguardi anche le vie del centro che saranno interessate dai mercatini di Natale. Dal 4 dicembre al 6 gennaio in corso Palladio e in corso Fogazzaro ci saranno le casette in legno con addobbi, musica, abeti e luci. Anche piazza dei Signori potrebbe finire all’interno dell’ordinanza considerato che, come raccontati nei giorni scorsi su queste pagine, ci saranno luminarie ma anche spettacoli, musica ed eventi.

 

Nicola Negrin