Vicenza

Largo Paolo Rossi, la nuova area dedicata al campione biancorosso diventa realtà

Terminati i lavori nell'area davanti all’accesso principale dello stadio Menti e già intitolata a Paolo Rossi. Un progetto dal valore complessivo di 250 mila euro, voluto dall’amministrazione e dalla società L.R. Vicenza insieme alla moglie di Pablito.
Vicenza, la nuova piazza intitolata a Paolo Rossi
Vicenza, la nuova piazza intitolata a Paolo Rossi
Vicenza, largo Paolo Rossi

Il 23 settembre, giorno in cui ricorre il compleanno dell’indimenticato Pablito, largo Paolo Rossi diventa realtà. Si sono conclusi infatti i lavori, partiti a giugno, per la realizzazione della nuova area dedicata a Paolo Rossi davanti all’accesso principale dello stadio Menti, luogo già intitolato lo scorso 28 settembre al bomber del Real Vicenza.

Il nuovo spazio di aggregazione, dall’alto valore simbolico per lo sport e per l’intera comunità, è stato presentato oggi alla città alla presenza, tra gli altri, del sindaco Rucco, del vicesindaco Celebron, del direttore generale del L.R. Vicenza Bedin, della famiglia del campione e di una rappresentanza della squadra del L.R. Vicenza.

Il sindaco Rucco: «Buona vita a questa piazza»

«Oggi è il compleanno di Paolo Rossi – ha commentato Rucco – Ci tenevamo a ricordare in un giorno speciale il nostro cittadino onorario, nonché grande sportivo e uomo, che tanto ha dato a questo territorio portando il nome di Vicenza nel mondo. È stato un lavoro a tempo di record, per cui ringrazio tutti per la collaborazione, a partire dagli uffici comunali fino alla società e alle autorità che hanno partecipato al progetto per trovare il giusto equilibrio anche sotto il profilo della sicurezza. Abbiamo fatto un investimento cospicuo per dedicare a Paolo questo spazio e per offrire al quartiere, dopo i lavori di riqualificazione di Campo de’ Nane, un luogo di socialità che mancava. Allo stesso modo sarà bello per questo spazio prendere vita prima e dopo le partite del campionato di calcio. Buona vita, quindi, a questa piazza».

Leggi anche
Il telefono di Pablito squilla ancora. «Sei il nostro eroe»

Largo Paolo Rossi, il progetto diventato realtà

Largo Paolo Rossi, realizzato al posto del parcheggio pubblico, costituisce l’accesso dei tifosi alla tribuna del Menti e rappresenta, al civico 9, l'indirizzo della sede legale della società L.R. Vicenza. La nuova piazza, di circa 1200 metri, si compone di due aiuole rialzate con la forma di scarpette da calcio, mentre la terza, a raso terra e in prossimità dell’ingresso principale dello stadio, ha l’aspetto dello storico numero 9 della maglia di Paolo Rossi. Inoltre, con un gioco cromatico e compositivo della pavimentazione è stata affiancata ad una delle aiuole a scarpetta la sagoma di un pallone da calcio, simbolo sia del Pallone d'oro vinto nel 1982, sia dei tanti gol messi a segno dal capocannoniere.

Il progetto dal valore complessivo di 250 mila euro, voluto dall’amministrazione e dalla società biancorossa insieme alla moglie del calciatore, è stato redatto dal servizio Lavori pubblici e manutenzioni del Comune di Vicenza, a partire da uno studio di fattibilità elaborato da un architetto esterno. L'intervento è stato realizzato dalla ditta Traverso di Bolzano Vicentino. 

Leggi anche
Largo Rossi 9, stadio e una nuova città. Il regalo più bello da fare a Paolo

Nell’area pedonale sono state, inoltre, installate l’illuminazione a led, le caditoie per lo smaltimento delle acque meteoriche, nuove panchine e il cancello di delimitazione della zona tifosi all’inizio dello sviluppo, a ovest, del largo. Il progetto ha previsto anche il rifacimento della facciata principale con il recupero delle finestrelle della vecchia biglietteria e la riqualificazione del muro est dello stadio, sul quale è stato affisso un murale raffigurante Paolo Rossi, a carico della società sportiva.

Per consentire l’ampliamento dell’area, la cancellata a nord è stata arretrata, utilizzando lo spazio delle vecchie biglietterie dello stadio. Inoltre, la facciata principale, rivolta sul largo, è stata rifatta recuperando le finestrelle dell’ex biglietteria.