Duplice femminicidio

La lettera anonima a Lidija tre giorni prima della tragedia: «Non andare in giro, sei in pericolo»

“Ciao Lidija. Non andare in giro. Sei in pericolo grave”. Questa la lettera che domenica è stata depositata nella cassetta della posta dell’abitazione di viale Milano in cui Lidija Miljkovic viveva con il compagno Daniele Mondello e i due figli. La firma è “Tua amica”. Questo, secondo il compagno, l’avvertimento. Il triste presagio di morte: «Voleva che stessimo assieme per ucciderci tutti», spiega Mondello che anche oggi è tornato con tutta la famiglia di Lidija, brutalmente assassinata dall’ex marito Zlatan Vasiljevic, a piangerla in via Vigolo.

Leggi anche
Gabriela uccisa per prima, poi l'agguato a Lidija con il cadavere nell'auto

Karl Zilliken