Vicenza

Giornalista GdV
viene aggredito e
rapinato al parco

.
L'intervento delle forze dell'ordine a parco Fornaci. COLORFOTO
L'intervento delle forze dell'ordine a parco Fornaci. COLORFOTO
Giornalista del GdV aggredito

VICENZA. Un giornalista del GdV aggredito mentre cerca di fare il suo lavoro di cronista. Il grave episodio si è verificato intorno all'ora di pranzo a parco Fornaci, in città. Valentino Gonzato era lì per fare un servizio sulla situazione di degrado nell'area verde, tra spaccio di droga e bivacchi. Ad un certo punto è stato avvicinato e circondato da un gruppo di stranieri. Prima gli insulti, le minacce e gli sputi; poi è stato spintonato e preso a calci e pugni e gli è stato strappato il cellulare. A parco Fornaci sono intervenuti polizia e carabinieri per identificare gli aggressori, mentre il collega è stato accompagnato al pronto soccorso per essere medicato. La polizia ha poi recuperato il cellulare del collega che era nella tasca di una delle persone identificate. 

 

Il cdr del Giornale di Vicenza, il Sindacato giornalisti del Veneto e l'Associazione vicentina della stampa esprimono vicinanza e solidarietà al collega Valentino Gonzato, che questa mattina è stato aggredito e rapinato al parco Fornaci di Vicenza mentre stava documentando il degrado dell’area, diventata punto di ritrovo di numerosi spacciatori.

Il cdr e il Sindacato giornalisti Veneto condannano in maniera decisa tale atto e tornano a denunciare, insieme alla Federazione nazionale della Stampa, come e quanto stia diventando sempre più pericoloso il mestiere del cronista esposto a minacce e intimidazioni di qualsiasi tipo.

 

La nota del sindaco Rucco. «Un increscioso episodio è avvenuto oggi a Parco Fornaci - esordisce il sindaco facendo riferimento all'aggressione subita quest'oggi dal giornalista Valentino Gonzato mentre stava svolgendo la sua attività per la testata "Il Giornale di Vicenza"-. Esprimo solidarietà, a nome mio e di tutta l'amministrazione comunale per quanto avvenuto ed auguro una pronta guarigione al giornalista che a Parco Fornaci stava svolgendo la sua attività lavorativa». «È evidente che la situazione a Parco Fornaci continua ad essere difficile, con pericoli di sicurezza per i cittadini che segnalano fenomeni di degrado - prosegue il sindaco -. Proprio per questo motivo siamo intervenuti nell'agosto 2018 con la rimozione di sei panchine, provvedendo allo sfoltimento della vegetazione in una zona adiacente alle abitazioni dove ci sono stati segnalati episodi di spaccio, di consumo di droga e di atti sessuali. Si è trattato di un primo passo per riportare l'ordine in questo luogo che da tempo versa in condizioni di degrado. Pertanto abbiamo poi pubblicato un bando per l'affidamento della custodia e della gestione del parco che tenesse conto delle necessità reali. Al nuovo gestore, che verrà decretato prossimamente visto che l'apertura delle buste è in programma per l'8 aprile, chiederemo la presenza per almeno otto ore al giorno, da aprile a settembre, e per quattro ore al giorno, da ottobre a marzo. Verrà prevista anche l'apertura di un chiosco, da aprile ad ottobre, in modo da rendere lo spazio vivo e sempre più frequentato grazie anche ad attività di intrattenimento e animazione. Durante la notte il parco rimarrà chiuso».