CHIUDI
CHIUDI

14.12.2017

Gara degli aghi
Giudice condanna
un infermiere

Una sala del pronto soccorso dell’ospedale San Bortolo. ARCHIVIO
Una sala del pronto soccorso dell’ospedale San Bortolo. ARCHIVIO

VICENZA. Da qualunque angolazione la sia guardi, la gara degli aghi per il tribunale rappresentò una mancanza di rispetto per i pazienti: da sanzionare. E bene fece il primario a segnalarla ai superiori. Non a caso, i giudici hanno ritenuto che Vincenzo Riboni si sia comportato con correttezza: è stato assolto dalle contestazioni, e l’Ulss sbagliò a sospenderlo. Ora una nuova sentenza vede prevalere l’Ulss su un infermiere, che venne sanzionato dall’Ufficio disciplinare: il giudice ha rigettato il ricorso del dipendente, ripetendo che quello scambio di messaggi andava punito. E quindi ha confermato il “rimprovero scritto”, provvedimento peraltro assai lieve, a un infermiere della città, rigettando la richiesta. 

 

Il caso scoppiò nel gennaio 2016, quando l'ex primario Riboni segnalò 8 persone del suo reparto, i cosiddetti Amici di Maria, dal nome della chat su whatsapp, alla direzione dell’Ulss, ritenendole responsabili di una presunta gara di cannule alle spalle dei pazienti. Il Nursind denunciò Riboni, sostenendo che aveva alterato i contenuti di una riunione. L’Ulss sospese Riboni 10 giorni: una sanzione fatta scontare subito. Il medico ha poi vinto i ricorsi. 

Diego Neri
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1