La tendenza

Studenti vicentini in fuga dall'ora di religione: il 13% sceglie di non frequentare

In altre province è stato definito un “esodo” per utilizzare un termine biblico. Nel Bresciano, ad esempio, uno studente su cinque ha scelto di non seguire l’ora di religione a scuola nell’anno scolastico 2020/2021. A Vicenza, viceversa, evidentemente, il famoso detto “la sacrestia d’Italia” dimostra di avere ancora una sua evidenza scientifica; perlomeno se si guarda ai numeri. Già, perché solo il 13 per cento degli alunni ha deciso di non frequentare l’Irc (l’insegnamento della religione cattolica); si tratta del dato più basso a livello di Regione.

Per continuare a leggere, clicca qui.

Abbonati a GDV+

Per continuare a leggere questo articolo sottoscrivi un abbonamento a GDV+


Ci sono anche altre offerte. Scoprile

Hai già un abbonamento? Accedi