La tragedia

Filippo, Paolo, Tommaso: le vittime e i dispersi vicentini sulla Marmolada

Da sinistra: Filippo Bari, Davide Miotti e Paolo Dani
Da sinistra: Filippo Bari, Davide Miotti e Paolo Dani
Da sinistra: Filippo Bari, Davide Miotti e Paolo Dani
Da sinistra: Filippo Bari, Davide Miotti e Paolo Dani

L'ultimo selfie, l'ultimo sorriso tra quelle montagne che tanto amava. Poi la tragedia. Filippo Bari, 27 anni di Malo, fidanzato e padre di un bimbo, si trovava lungo la via per la vetta della Marmolada ed è stato tra gli alpinisti travolti dalla valanga di ghiaccio, neve e roccia. «Oggi la montagna piange. Ti amo fratello mio», le parole del fratello Andrea in una storia su Instagram, dopo che ieri, sempre attraverso i social, aveva lanciato un disperato appello non avendo notizie di Filippo. 

 

Espertissima guida alpina era Paolo Dani, 52enne di Valdagno, molto apprezzato e stimata da colleghi e amanti della montagna, anche lui tra le vittime della Marmolada. Era molto conosciuto proprio per la sua esperienza e si trovava sulla regina delle Dolomiti con un gruppo di amici per una cordata su quei luoghi che per lui non avevano segreti. 

La terza vittima vicentina è Tommaso Carollo, manager 48enne originario del thienese ma residente a Pordenone. Molto conosciuto nell’Altovicentino, anche lui era un grande amante della montagna e si trovava sulla Marmolada con la compagna,  rimasta ferita e ricoverata in ospedale a Trento.

Risulta invece «ancora disperso» Davide Miotti di 51 anni, originario di Cittadella (Padova), titolare del negozio "Su e giù sport" di alpinismo in via Nazionale a Tezze sul Brenta. Ad affermarlo è il legale della famiglia, dopo che in un primo momento il nome di Miotti era stato indicato tra le vittime. «La notizia uscita sulla stampa relativa alla morte, sotto la valanga della Marmolada, della guida alpina Davide Miotti, originario di Cittadella, è allo stato non confermata», ha affermato il legale della famiglia, Massimo Simonini. In cordata con lui c’era anche la moglie, Erica Campagnaro, che al momento risulta tra i dispersi sul ghiacciaio. Oggi il negozio di Tezze è rimasto chiuso. Di lui e di Erica non è arrivata più alcuna notizia da quando sono saliti in Marmolada.

Tra i dispersi ci sono anche Nicolò Zavatta di Barbarano Mossano e una 33enne di Bassano