Vicenza

Donne in gravidanza e lavoro. Ogni settimana 50 dimissioni

Un fiume di lavoratrici scomparse dai radar perché incinte. Almeno 50 casi a settimana durante il periodo dell’emergenza Covid. Soprattutto straniere, licenziatesi volontariamente o “accompagnate all’uscita” per colpa della gravidanza. A denunciarlo, squarciando il velo su un fenomeno «anomalo, che va approfondito» - e di cui si parla ancora troppo poco - è la consigliera di parità della Provincia di Vicenza Francesca Lazzari.
«Un dato preoccupante - spiega Lazzari- parliamo di circa 50 situazioni di dimissioni per maternità alla settimana, soprattutto di lavoratrici straniere». Un numero che emerge «da un confronto con l’ispettorato del lavoro, secondo cui in questi mesi di pandemia si contano circa 50 casi». È questa la voce più opaca del bilancio dei primi cinque mesi di lavoro nel mondo sconfinato della parità di genere

Suggerimenti