Vicenza

Domenica ecologica: auto in fila in centro con il motore acceso

Le auto in attesa di entrare al parcheggio Fogazzaro ieri pomeriggio, più di qualcuna con il motore acceso
Le auto in attesa di entrare al parcheggio Fogazzaro ieri pomeriggio, più di qualcuna con il motore acceso
Domenica ecologica auto in coda (A. Zorzan)

Auto ferme in colonna in attesa di entrare al parcheggio Fogazzaro, molte delle quali con il motore acceso. Non proprio la cartolina ideale di una giornata ecologica, che dovrebbe caratterizzarsi per un ricorso massiccio alla mobilità alternativa e, soprattutto, non inquinante. 
La terza domenica senz’auto di questo 2021 è stata archiviata con un bilancio di 78 veicoli controllati, tre sanzioni e polemiche alimentate in particolare via social. Nel mirino il traffico e i rallentamenti che hanno attanagliato i quartieri della prima cintura urbana mentre il centro restava escluso dalla circolazione dei veicoli a motore (fatta eccezione per quelli completamente elettrici).

Certo, paragonare questa domenica a quella del 19 settembre, quando il blocco è stato rimosso già alle 13 per maltempo, non è granché utile. Oltre al sole ottobrino, infatti, a fare la differenza stavolta ci ha pensato la concomitanza di altre iniziative tra le piazze, come CioccolandoVi e Sapori in corso. Un mix che, a quanto pare, ha stimolato più di qualcuno a spostarsi verso la città. In auto. 

 

«Quarantacinque minuti per la tratta tribunale-stazione ferroviaria... pieno successo della domenica ecologica»; «Alle 15 per entrare al parking Verdi già al completo c’era la fila fino in stazione. Traffico impazzito come non si vedeva da un bel po’», ma anche «colonna infinita per entrare al park Fogazzaro da Porta Santa Croce». Le prime segnalazioni via web, come queste appena citate, hanno iniziato a comparire nel pomeriggio, in concomitanza con l’orario di massimo afflusso al centro.

Dai cittadini alla politica il passo è stato breve, con l’ex assessore Marco Lunardi pronto a partire all’attacco: «Più di 50 minuti da viale Margherita per arrivare alla stazione - scrive - e per fortuna che è la giornata ecologica. Abbinare CioccolandoVi alla giornata ecologica è stata una scelta strategica, lungimirante. I vicentini ringraziano». «Troppe le auto in questa domenica, anche all’interno delle mura dove vige fino alle 18 il divieto di transito. E ancora una volta i quartieri completamente dimenticati e soffocati dalle auto», è la denuncia invece del gruppo consigliare di minoranza “Da adesso in poi”.

 

L’assessore all’ambiente Simona Siotto rimanda però al mittente le accuse e getta acqua sul fuoco delle polemiche. «La polizia locale - sottolinea - non mi ha segnalato criticità particolari. Si è visto, quello sì, il traffico di una qualunque domenica con tanti eventi in città che hanno attirato anche numerosi turisti e persone da fuori. Proprio valutando questo afflusso si è deciso di aprire il Fogazzaro, visto che non ci sarebbero stati altrimenti spazi sufficienti, nemmeno considerando le aree di interscambio». Una deroga «che è stata pensata per questa particolare situazione, ma già dalla prossima domenica ecologica torneremo al classico perimetro». 

 

Resta la fotografia delle auto in colonna in zona Carmini in attesa che la sbarra si alzasse per poter guadagnare uno stallo; e spesso, come detto, senza spegnere il motore. «Quella di restare in sosta con il motore acceso è un’abitudine che dovremmo tutti perdere, come ho ricordato anche con l’entrata in vigore dell’ordinanza anti-smog. Purtroppo invece sono ancora molte le persone che lo fanno, spesso anche nelle vicinanze delle scuole». Il bilancio della giornata, secondo Siotto, è comunque «molto positivo, con un centro vivo». 

 

Per quanto riguarda le sanzioni, su 78 veicoli controllati, tre sono risultati fuori regola; per loro è scattata quindi la sanzione da 87 euro. Gli altri casi hanno riguardato 23 autocertificazioni, 12 permessi invalidi, otto veicoli elettrici e altre autorizzazioni al transito. 

 

Alessia Zorzan

Suggerimenti