CHIUDI
CHIUDI

19.09.2019 Tags: Vicenza , raid punitivo

Denuncia la ex
Pestato a sangue
nel raid punitivo

L'ingresso del pronto soccorso del San Bortolo, dove era stato medicato il vicentino. ARCHIVIO
L'ingresso del pronto soccorso del San Bortolo, dove era stato medicato il vicentino. ARCHIVIO

VICENZA. Un vicentino di 38 anni aveva denunciato la ex fidanzata di essersi tenuta, dopo la fine della relazione, una serie di effetti personali. Per vendetta, secondo l’accusa, due amici della donna l’avrebbero aggredito in un parcheggio e picchiato con i bastoni, facendolo finire in ospedale. Lui, che non conosceva gli aggressori, li aveva identificati in un secondo momento, tanto che oggi due imputati devono rispondere in tribunale di quella spedizione punitiva (uno dei due avrebbe intrapreso una relazione con la ex fidanzata del 38enne dopo che la storia tra loro era finita). Ma entrambi si difendono, assicurando di non essere stati a Vicenza in quel periodo.
 

D.N.

Puoi leggere anche

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1