Sul sito GdV alle 18.15 e 20.45

"Da medico a malato di Covid" e le "Basi neurali delle emozioni": la diretta streaming

.
Il video non può essere visualizzato in quanto non è stata accettata la cookie policy.
Streaming Fondazione Zoé - 16 ottobre ore 20.45

Prosegue oggi, e si chiuderà domenica 18 ottobre, la rassegna di incontri con gli esperti, in Basilica palladiana, dal titolo “Gli orizzonti della salute. Tra emozioni e relazioni del vivere contemporaneo”, organizzata dalla Fondazione Zoé in collaborazione con Il Giornale di Vicenza. Gli incontri in programma verranno trasmessi in diretta streaming sul sito del GdV.

 

Alle 18.15 interverrà Enzo Soresi, medico specialista in anatomia patologica, pneumologia e oncologia clinica, primario emerito all’ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano. Racconterà la propria esperienza di paziente Covid: ha affrontato la malattia senza finire in terapia intensiva grazie a settimane di protocolli mirati ma anche ad un adeguato stile di vita e alla riduzione al minimo della sua condizione infiammatoria, come spiega nel suo ultimo libro “Come ringiovanire invecchiando”.

 

Alle 20.45 toccherà a Maria Luisa Gorno Tempini, professore ordinario di neurologia e psichiatria all'Università della California, dove dirige il Laboratorio di neurobiologia del linguaggio. Gorno Tempini parlerà delle "Basi neurali delle emozioni": negli ultimi anni, anche grazie alle nuove tecnologie di indagine, si è molto sviluppato lo studio delle basi neurobiologiche dei processi mentali in generale, e quello dei processi regolativi delle emozioni in particolare. L’ipotesi da cui si parte è quella della perfetta corrispondenza tra i fatti mentali ed i fatti neuronali. Ma quali sono gli ultimi sviluppi della ricerca? E cosa sono davvero le emozioni, dal punto di vista neurobiologico? Esistono nel nostro cervello delle strutture predisposte anche a regolare le risposte emotive ed il comportamento che ne deriva?

 

Enzo Soresi anticipa alcuni argomenti del suo intervento nell’intervista pubblicata oggi, venerdì 16 ottobre, sull’edizione cartacea del Giornale di Vicenza.