Vicenza

Arrivano le fototrappole contro l'abbandono dei rifiuti

Un modello di fototrappola (Foto fototrappola.net)
Un modello di fototrappola (Foto fototrappola.net)
Un modello di fototrappola (Foto fototrappola.net)
Un modello di fototrappola (Foto fototrappola.net)

Abbandono rifiuti, arrivano a Vicenza le fototrappole. Con l'adozione del regolamento sui dati personali anche per videosorveglianza mobile e fototrappole prosegue l’azione dell’amministrazione comunale di contrasto allo scorretto conferimento dei rifiuti. Per pizzicare i comportamenti illeciti verranno messi in campo i controlli della polizia locale, dei veicoli muniti di apparati di videosorveglianza mobile di Aim Ambiente (Gruppo Agsm Aim), gestore del sistema di raccolta, e quelli dell’ormai prossimo utilizzo di fototrappole. 


Nel rispetto del “regolamento per il trattamento dei dati personali tramite dispositivi di acquisizione immagini e geolocalizzazione”, la giunta del sindaco Francesco Rucco ha individuato nel comandante della polizia locale Massimo Parolin il supervisore del trattamento delle informazioni raccolte nell’ambito degli accertamenti effettuati tramite videosorveglianza mobile, fototrappole o dispositivi analoghi. 

«Si tratta - afferma l’assessore all’ambiente Simona Siotto in merito alla delibera portata oggi in giunta dal sindaco Francesco Rucco - di un passaggio tecnico fondamentale per l’acquisizione delle immagini che rilevano comportamenti di conferimento scorretto al fine di prevenire e contrastare tale fenomeno. I continui controlli della polizia locale vanno infatti incrementati con sistemi, quali le fototrappole e la videosorveglianza mobile, che ci consentono di mettere sotto osservazione le zone dove sono più frequenti i depositi illeciti o quelle segnalate dai cittadini».