CHIUDI
CHIUDI

26.08.2016

Targa system in azione
Sequestrati 140 veicoli

Con il Targa System è possibile capire se un’auto è stata revisionata
Con il Targa System è possibile capire se un’auto è stata revisionata

Oltre 42 mila euro di sanzioni. Sono state elevate dalla polizia locale “Valle Agno” nel breve arco di tre mesi e mezzo, a partire dal primo maggio fino al 15 agosto, da quando cioè sono operative tutte le postazioni “targa system” dislocate in punti strategici del territorio. Scendendo nel particolare sono state rilevate 109 violazioni per omessa revisione del veicolo per un totale di 20.936 euro, e 31 per mancata copertura assicurativa per complessivi 21.378 euro. Se la mancata assicurazione spesso è specchio del difficile momento economico che anche il Vicentino sta attraversando, l’omessa revisione spesso è frutto di dimenticanza.

«Numeri consistenti – commenta il presidente del consorzio di polizia “Valle Agno”, Francesco Lanaro – che testimoniano quanto sia importante poter disporre di un sistema elettronico di sorveglianza intelligente. Da parte nostra nessuna intenzione di voler fare cassa, altrimenti avremmo utilizzato altri strumenti come ad esempio l’autovelox, ma solo la volontà di evitare che circolino veicoli non in regola. I soldi incamerati vengono investiti nella sicurezza stradale. Da parte del consiglio di amministrazione e di tutti i sindaci c’è piena soddisfazione sull’efficacia raggiunta da questo strumento che, ricordo, siamo stati i primi in tutta la provincia a testare un paio d’anni fa».

Un grande fratello, anche i carabinieri sono collegati al server della polizia locale, che vigila 24 ore su 24 sulle principali arterie d’entrata nella valle dell’Agno. Dieci al momento le postazioni in funzione, quattro delle quali monitorano entrambi i sensi di marcia. Queste ultime sono posizionate al passo dello Zovo, sulla provinciale per Quargnenta, all’entrata del traforo Valdagno-Schio, e sulla provinciale San Martino in destra Agno. Le altre sono collocate sulla provinciale 246 altezza dell’ex stazione Ftv di Castelgomberto, sul dosso che porta nella frazione di Valle in via Bocca sempre a Castelgomberto, in piazza Dolomiti a Recoro, sulla Priabonese in via Lucca a Cornedo, sul passo di Santa Caterina ai confini con Altissimo, e sulla rotatoria “della macina” ancora a Castelgomberto. Apparecchiature acquistate con un contributo regionale, un paio grazie alle economie negli appalti.

Giorgio Zordan
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1